Automazione del magazzino per l’ efficienza alla logistica industriale

Come ottimizzare la logistica industriale

17 aprile 2020

La logistica industriale è stata per anni un settore lineare e prevedibile. I produttori si sono sempre collocati a metà strada tra i fornitori e distributori di materie prime. Nell'attuale scenario economico questa configurazione è cambiata: il manufacturing entra di fatto nell’era della digital transformation con processi di produzione personalizzati e, quindi, più complessi, a cui si somma la gestione di uno stock più variegato.

L’implementazione di strategie produttive lean quali il just in time, l'internazionalizzazione dei mercati e dei clienti sempre più esigenti, stanno marcando una profonda trasformazione della logistica industriale e di produzione.

In questo articolo ne analizzeremo le caratteristiche e passeremo in rassegna le strategie per una logistica industriale efficiente.

Di cosa si occupa la logistica industriale? 

La logistica di produzione o logistica industriale si occupa della gestione e ottimizzazione dei processi di stoccaggio, includendo la movimentazione dei materiali in impianti collegati a un centro di produzione. 

Panoramica dei processi di produzione 

Per capire meglio come funziona la logistica industriale, esamineremo brevemente le due logiche di produzione più diffuse:

Produzione con Logica Push

Si ricorre a questa logica produttiva quando il prodotto finale presenta funzionalità standard che servono a soddisfare un’ampia domanda. In questo caso, le fabbriche producono in anticipo e inviano i prodotti direttamente al magazzino, rendendoli disponibili all’ufficio commerciale. Quest’ultimo potrà vendere solo lo stock disponibile nel magazzino (a differenza del sistema pull).

Produzione con Logica Pull

La logica pull funziona al contrario: la fabbrica produce una volta ricevuti gli ordini dei clienti, a cui viene poi comunicata una data di consegna prestabilita. Questa logica intende limitare al massimo la quantità di scorte e consente alle aziende di mantenere inventari di prodotti semilavorati, così da accorciare i tempi di consegna una volta ricevuto un ordine.

Va detto che una logica di produzione non esclude l’altra: entrambe possono coesistere. Ad esempio, nel caso del settore automotive, vengono prodotti veicoli standard applicando una logica push, mentre per le autovetture con optional personalizzati si segue la logica pull.

Magazzini settorizzati per la logistica industriale

La relazione tra produzione e logistica industriale 

Il compito della logistica industriale consiste nel ridurre i lead time di produzione, ovvero il tempo che intercorre tra l’accettazione di un ordine e il prodotto finito.

A tal fine numerose aziende industriali scelgono fornitori locali di materiali e componenti, facendo denotare una certa inversione di tendenza in termini di esternalizzazione. Secondo Industry Week, nel 2018 le aziende manifatturiere che hanno deciso di operare negli Stati Uniti sono aumentate del 38%.

Un altro fattore cruciale nella logistica di produzione è la gestione dello stock, essenziale per velocizzare i processi produttivi. Questo aspetto si rivela importantissimo, basti pensare che il magazzino deve far fronte a due tipi di domanda:

  • Le richieste dei clienti finali: un tipo di domanda “indipendente” del processo di produzione, che si basa sia sulle previsioni di vendita sia sugli ordini richiesti dalla fabbrica
  • La domanda proveniente dalla fabbrica: questa dipende dal processo di fabbricazione e si concretizza nella richiesta di materie prime necessarie per creare il prodotto finale. È una domanda “dipendente”.

Le imprese manifatturiere conoscono con esattezza le materie prime necessarie all'impianto di produzione per realizzare ciascun prodotto. Qui è conveniente introdurre i concetti di distinta base o Diba (Bill of Materials - BOM) e quello di sistema MRP (pianificazione dei fabbisogni di materiali). La Diba si riferisce all'inventario o all'elenco dei componenti necessari per fabbricare i prodotti; il sistema MRP è il software che determina quali e quanti materiali sono necessari per fabbricare un determinato prodotto.

Coordinare le aree di produzione e quelle logistiche implica il controllo di questi due tipi di domanda (dipendente e indipendente dal processo di produzione), per cui è essenziale conoscere a priori come organizzare il magazzino industriale e configurare al meglio le strutture di stoccaggio collegate agli impianti di produzione sulle quali allocare prodotti finiti, componenti o materie prime.

Magazzini logistica industriale conservazione materie prime

Come ottimizzare il magazzino dedicato alla logistica industriale

L’efficienza può essere raggiunta attraverso un approccio organizzativo fondato sulla Lean logistics, ovvero sulla riduzione delle operazioni logistiche che non apportano valore aggiunto, quali ad esempio il trasporto o la movimentazione interna delle merci, le attese tra processi o le materie prime WIP (work in progress o in corso di lavorazione).

L'obiettivo finale è offrire un servizio migliore e ridurre i costi in generale, traguardo che si può raggiungere applicando i due fattori che analizzeremo qui di seguito.

- Automazione dei processi industriali

L’automazione dei processi di magazzino legati alla movimentazione di materiali è una strategia chiave quando si affrontano processi ripetitivi che coinvolgono carichi pesanti. L’automazione fa diminuire gli sprechi di spazio e migliora la performance globale dell'installazione.

Ci sono anche magazzini ricambi dedicati alla logistica industriale le cui operazioni si centrano sulla preparazione degli ordini vincolati alle linee di produzione. Questi impianti presentano inventari composti da numerose minuterie metalliche solitamente di piccole dimensioni (stoccate all’interno di contenitori). Per questo motivo si suddivide l’impianto in zone in base all’analisi ABC delle scorte del magazzino. La movimentazione dei carichi tra le zone avviene in maniera automatizzata mediante sistemi di trasporto per contenitori.

- Software per la gestione dei processi legati alla logistica di produzione

I software dedicati al manufacturing dispongono di funzionalità sviluppate appositamente per ottimizzare i processi produttivi. Questi programmi, che in un certo senso funzionano come i sistemi MRP, controllano e coordinano la relazione tra la domanda indipendente del cliente e la domanda dipendente legata alla produzione.

Il software di gestione del magazzino fornisce una visione globale dell'inventario legato alle attività di produzione e apporta i seguenti vantaggi:

  • Ottimizza la classificazione delle scorte per tipologie: materie prime, lavori in corso o semilavorati o scorte di prodotti finiti.
  • Visualizza lo stock in tempo reale, garantendo sempre una visione totale delle quantità e dello stato delle giacenze.
  • Abilita la produzione just-in-time.

Logistica industriale: una soluzione per il manufacturing

Oggi l'industria del manufacturing deve garantire ai clienti un servizio efficace. Esso dipende dalla qualità e dall’efficienza dei processi produttivi. Di fronte a questo paradigma, l'automazione, raggiunta mediante l’implementazione di sistemi automatici e software, risulta una strategia vincente per ottimizzare la logistica industriale. 

Automatizzare e digitalizzare: questi sono gli obiettivi di quella che si delinea come una conversione fondamentale per tutte le aziende. Una transizione supportata dal credito d'imposta varato nella Legge di Bilancio 2020, usufruibile per l’acquisto dei sistemi Mecalux. 

Per saperne di su come rendere più efficiente la logistica industriale grazie all’automazione, contattaci: ti mostreremo la nostra gamma di soluzioni per il manufacturing.