Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Quando installare scaffalature a grandi altezze?

Oggi è possibile costruire scaffalature portapallet che superano i 40 m di altezza, sfruttando le stesse strutture metalliche come elemento portante dell'edificio. Il magazzino automatico con struttura di scaffalature autoportanti è un impianto estremamente complesso a livello ingegneristico. In questo edificio tutti i sistemi devono funzionare in maniera perfettamente coordinata, come un orologio svizzero, ragion per cui è richiesto un profondo lavoro di analisi e pianificazione del layout e degli elementi presenti nell'impianto. Questi elementi andranno a condizionare la tipologia di scaffalature e la loro configurazione all'interno del magazzino.

Qui di seguito, gli elementi da considerare quando si opta per scaffalature a grandi altezze:

  1. Mezzi e macchine di sollevamento: è bene sapere che per scaffalature fino a 14 m di altezza, è possibile usare carrelli trilaterali, oltre questa altezza, è bene ricorrere ai trasloelevatori automatici.
  2. Ottimizzazione dello spazio: è auspicabile realizzare il calcolo della capacità di stoccaggio allo scopo di valutare la reale necessità di sfruttare il livello verticale dell'edificio. La realizzazione di scaffalature a grandi altezze fornisce una buona soluzione per ottimizzare la superficie costruttiva, dal momento che apporta una maggiore capacità in uno spazio limitato, senza perdere i vantaggi dell’accesso diretto a ogni pallet. Si tratta pertanto di una situazione ottimale per qualsiasi tipo di magazzino e impresa. Qualora il calcolo della capacità di stoccaggio fornisse un valore non in linea con gli obiettivi aziendali, sarebbe opportuno pensare direttamente alla costruzione di un nuovo centro, situazione descritta nel terzo punto di questa lista.
  3. Costruire da zero: l'ultimo fattore è vincolato all'aspetto puramente edile del progetto. Se l'impianto esiste già, sarà l'altezza a definirne i limiti (in termini di capacità e scaffalature da usare). Se invece l’edificio non è ancora stato costruito al momento della progettazione dell’impianto, è possibile prevedere quale sia l’altezza necessaria ed è consigliabile optare per un magazzino autoportante. Questa possibilità va considerata se si presentasse la necessità di costruire edifici che superano i 15 m di altezza, ed è senza dubbio quella che, per lo meno in termini di efficienza, conviene di più.
Magazzino autoportante in fase di cotruzione

Magazzino autoportante in fase di costruzione

Interno di un magazzino automatico dotato di trasloelevatori

Interno del capannone per la produzione e la vendita di prodotti ceramici per l’edilizia. Fonte: Mecalux.

Altri argomenti in questa categoria