Utilizziamo cookie propri e di terzi per offrirti una migliore esperienza e un servizio migliore. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookie Policy. Accettare

Cosè il picking di magazzino

In questo articolo vedremo cos'è il picking e perché  è considerato un processo fondamentale per il magazzino. Nella prima parte ci concentreremo sul significato di picking per poi valutare l'importanza di tale operazione in rapporto all'investimento. Chiuderemo parlando delle strategie diverse di picking.

Definizione di picking in logistica

Il picking è un'attività di selezione e prelievo parziale di materiali (appartenenti a diverse unità di carico) che può essere svolta in quasi tutti i tipi di magazzino e si verifica ogniqualvolta sia necessario raggruppare pacchi, componenti, prodotti o materiali che, una volta riuniti, verranno elaborati e spediti.

L'attività di prelievo può essere svolta in vari modi, dal più semplice in cui l’operatore si muove all’interno del magazzino per fare un riepilogo delle unità di prodotto, a quello più sofisticato basato su un sistema completamente automatizzato con preparazione meccanica. Ogni metodo presenta dei benefici e dei limiti.

Il picking e la gestione dei carichi unitari sono strettamente legati al ciclo di riapprovvigionamento delle giacenze e al processo di spedizione degli ordini preparati. 

Esempio di magazzino con scaffalature convenzionali per picking

Esempio di magazzino con dispositivi per picking.

Ripercussione del picking sull’investimento

Per comprendere l’impatto finanziario di questa attività nella logistica, è sufficiente sapere che in un impianto progettato male i costi di picking possono superare il 60% del bilancio totale. Ottimizzare le procedure di picking è una delle priorità delle aziende che vogliono lavorare sull'efficienza del magazzino.

Dato che la preparazione degli ordini è imprescindibile, è opportuno compiere sforzi di valutazione maggiori per una corretta pianificazione dei processi. Investire in tecnologica applicata contribuisce a ridurre i costi marginali per la preparazione degli ordini.

La sfida delle aziende passa dalla riduzione dei costi del picking

Esempio di picking su scaffalature dinamiche con pallet di riserva disposti sul livello superiore.

Il picking i può ideare in funzione del tipo di magazzino e in virtù dell'investimento iniziale che si intende realizzare.

La preparazione degli ordini direttamente su un pallet posizionato nei livelli inferiori di una scaffalatura, ad esempio, rappresenta una soluzione valida nei magazzini di piccole dimensioni o quando il volume di operazioni è basso. In questi casi è possibile posizionare i pallet di riserva nella parte superiore delle scaffalature.

Per i prodotti a bassa rotazione, è possibile realizzare la preparazione lungo l’altezza totale della scaffalatura con la macchina adeguata. Entrambe le modalità prevedono l'applicazione del principio “uomo alla merce” e che l’operatore si sposti all’interno del magazzino, con costi molto elevati nella maggior parte dei casi.

È dunque necessario pensare a delle alternative? Dipende. Una soluzione per la preparazione degli ordini sarà redditizia soltanto se ridurrà i costi marginali e consentirà di ottenere un ROI ottimale, una questione la cui risposta deriva dallo studio di ciascuna modalità disponibile e dagli strumenti e dalle strategie che verranno adottate, come sarà esposto nei paragrafi seguenti.

Strategie generali per migliorare il picking

Tutte le operazioni di picking si misurano in base al numero di linee di preparazione. Per aumentare tali linee, si ricorre a varie misure nei sistemi di stoccaggio basati sul principio di una logistica “uomo alla merce”:

  1. Installare un software di gestione del magazzino per ottimizzare il percorso degli operai con l'obiettivo di ridurre la ripetizione dei movimenti e la distanza percorsa durante le missioni. Una distribuzione ottimale del magazzino e della merce agevolerà le operazioni di prelievo dei prodotti. L'uso di terminali e dispositivi a radiofrequenza o di voice picking (picking vocale) consente di fare a meno dei documenti cartacei e contribuisce a snellire ulteriormente le operazioni. 
  2. Sfruttare la preparazione di ordini a ondate (dall'inglese wave picking ovvero assemblaggio di diversi ordini contemporaneamente) o raggruppandoli.
  3. Migliorare le infrastrutture impiegate per velocizzare le operazioni, come nel caso delle scaffalature a gravità con pick-to-light, dispositivi luminosi collocati in ciascuna ubicazione che indicano da quali posizioni è necessario prelevare il prodotto e in che quantitativi. Oppure i sistemi put-to-light, dispositivi luminosi che indicano dove e quante unità di prodotto bisogna inserire in ciascun ordine, che possono influenzare l’agilità delle operazioni quando si utilizzano carrelli o commissionatori.

Al di là di queste misure, se si intende aumentare ulteriormente la capacità per saturare le linee di preparazione è necessario applicare le strategie “merce all'uomo”, nelle quali l’operatore non deve spostarsi dalla sua postazione, ma sono le merci che si spostano verso di lui.

L'installazione di un sistema WMS permette l'incremento delle linee di produzione.

L'installazione di un sistema WMS permette l'incremento delle linee di produzione.