Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Il picking a livelli medi

Si definisce picking livelli medi la preparazione degli ordini effettuata a livelli intermedi con altezze non superiori ai 3,5 o 4 m e che può avvenire sia su scaffalature per lo stoccaggio generale, sia su sistemi dedicati esclusivamente alle operazioni di prelievo. 

Il picking a livelli medi (secondo livello di prelievo) si trova a metà strada tra gli altri due livelli di picking: quello che si realizza ai livelli inferiori delle scaffalature (primo livello di prelievo), e quello che avviene a livelli alti (terzo livello di prelievo).

Picking su distinti livelli.

Picking su distinti livelli.

La velocità di preparazione degli ordini guadagna dinamicità quando non si perde tempo andando su e giù tra i livelli delle scaffalature. Per questo motivo, sebbene i livelli più alti portino un migliore sfruttamento del volume disponibile, conviene sempre disporre i prodotti ad alta rotazione (ovvero le merci che vengono prelevate con maggiore frequenza) alle zone dei livelli medio-bassi delle scaffalature.

Quando ricorrere al picking a livelli medi

Il picking di a livelli medi è ideale in due magazzini:

  1. I centri che gestiscono un numero elevato di ordini al giorno.
  2. Nei centri di distribuzione con un elevato volume di ordini concentrati su un numero limitato di referenze. 

Le aree di picking e le stesse attività di selezione e prelievo che si realizzano a livelli medi devono essere concepite, preferibilmente, considerando l'impiego di scaffalature per picking. Il prelievo e il riassortimento avvengono in turni alternati. Per ottimizzare il rendimento è possibile usare commissionatori per i livelli bassi o multipli. 

Magazzino di un'azienda di componenti elettroniche

Magazzino di un'azienda di componenti elettroniche.

Per aumentare la rapidità di tali operazioni, è possibile utilizzare un carrello per corsia di picking, in modo da raggiungere il massimo rendimento. In questo caso, nel corridoio frontale delle scaffalature è opportuno collocare un sistema di trasporto orizzontale (trasportatori industriali o carrelli automatici AGV-LGV). Grazie a essi, i preparatori dovranno soltanto scaricare gli ordini già pronti, evitando ogni minima perdita di tempo.

Nei centri di distribuzione caratterizzati da un numero elevato di ordini concentrati su un piccolo numero di referenze, è auspicabile concentrare gli articoli con più richieste nella zona intermedia dell’installazione. In questo modo, il prelievo dei prodotti può avvenire con un commissionatore medio livello.

Osservazioni finali

La scelta del giusto sistema di picking dipende in parte dalle esigenze specifiche di ogni azienda. La pianificazione delle modalità e delle altezze di prelievo ha un'importanza strategica che impatta direttamente sul rendimento del magazzino. Si tratta di una questione delicata e complessa, per cui vale la pena affidarsi alla consulenza di un'azienda esperta di logistica e sistemi di stoccaggio

Altri argomenti in questa categoria