Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

La logistica magazzino contribuisce a un migliore funzionamento del magazzino

Aspetti fondamentali della logistica di magazzino

18 novembre 2019

Nell’ambito della logistica di magazzino rientrano tutte le attività e i processi che permettono di conservare correttamente le merci. Tra questi troviamo la movimentazione degli articoli, le operazioni di stoccaggio e prelievo. Il magazzino è pertanto il perno che permette di regolare i flussi di merci in ingresso e in uscita, adattandosi in maniera flessibile alle possibili oscillazioni della domanda.

In questo articolo vedremo quali sono i pilastri fondamentali della logistica di magazzino senza i quali un centro perderebbe velocità risultando meno efficiente. Per farlo, andremo ad analizzare i fattori imprescindibili di ogni area del magazzino.

Obiettivi della logistica di magazzino

L’obiettivo della logistica di magazzino è di minimizzare i costi operativi mantenendo dei livelli di servizio ottimale. In questo modo si intende trovare l’equilibrio perfetto tra:

  • Massimizzare lo spazio di stoccaggio.
  • Sfruttare al meglio i mezzi di movimentazione.
  • Ottimizzare il lavoro degli operatori.
  • Garantire il facile accesso alle merci sia nelle fasi di stoccaggio sia in quelle di prelievo.
  • Mantenere alti gli standard di sicurezza per garantire l'integrità dei prodotti.

I responsabili di magazzino e i manager che si occupano della logistica interna hanno il compito di raggiungere questi obiettivi.

Area di lavoro fondamentale per un magazzino efficiente

La logistica di magazzino è composta da processi fondamentali quali: ricezione, stoccaggio, preparazione degli ordini, spedizione delle merci. Affinché risultino efficienti, è necessario ottimizzarne ogni aspetto. Vediamo quali sono quelli principali

1. Il layout come punto di partenza

Per una logistica di magazzino efficace è auspicabile progettare un layout tenendo conto di tutti gli elementi presenti all’interno del centro, li elenchiamo qui di seguito:

  • Il volume e le caratteristiche degli articoli che verranno stoccati.
  • I flussi in ingresso e in uscita delle merci e il turnover delle scorte.
  • Lo spazio di stoccaggio disponibile e i limiti fisici presenti nel magazzino.
  • La tipologia di attività che realizzeranno gli operatori e le qualifiche in possesso degli stessi.
  • Il modello di organizzazione e gestione adottato dall’impresa.
  • La presenza o meno di un sistema ERP o di un software di gestione del magazzino.
  • I sistemi di stoccaggio e i mezzi di movimentazione presenti in magazzino.

La progettazione del layout deve partire sempre da un’analisi esaustiva delle necessità e degli obiettivi aziendali. La logistica di magazzino deve essere sempre pensata in un’ottica di scalabilità e di crescita.

Layout di magazzino che comprende un’area di stoccaggio, una di picking e un’area dotata di scaffalature cantilever
Layout di magazzino che comprende un’area di stoccaggio, una di picking e un’area dotata di scaffalature cantilever

2. Material handling: mezzi di movimentazione e sistemi di stoccaggio

Il material handling è un termine con cui si fa riferimento alla gestione di tutte le operazione e i processi che hanno a che fare con il trasporto (interno in questo caso), la preparazione e lo stoccaggio di risorse e merci all’interno del magazzino. Tali attività vengono svolte applicando delle modalità di lavoro specifiche che prevedono l’interazione operatori, mezzi di movimentazione e sistemi di stoccaggio.

- Sistemi di stoccaggio

Esiste una vasta gamma di scaffalature industriali per pallet e per casse. La scelta della scaffalatura deve essere ben ponderata e realizzarsi in funzione dei seguenti criteri:

  • La tipologia di prodotti che verranno conservati su di esse.
  • La capacità di stoccaggio che si intende raggiungere.
  • La dinamicità desiderata nello svolgimento delle operazioni di deposito e prelievo.
  • I costi e il budget disponibile al momento della scelta.

Prima di acquistare un determinato sistema è bene studiare tutte le possibilità e i modelli presenti sul mercato. Per saperne di più sui criteri da seguire, puoi consultare il nostro articolo in cui ti spieghiamo come scegliere gli scaffali per la logistica.

- Mezzi di movimentazione

La quantità e la tipologia dei mezzi di movimentazione incide direttamente sull’operato e sul rendimento degli addetti al magazzino. Allo stesso tempo, le macchine e i robot presenti in magazzino condizionano e sono condizionati dal layout. I mezzi di movimentazione possono essere suddivisi in due categorie:

  • Mezzi controllati manualmente da un operatore: carrelli elevatori, commissionatori, transpallet per citare i più diffusi.
  • Sistemi automatici: si tratta di macchine che permettono di automatizzare una parte o tutte le attività che riguardano la logistica di magazzino, e che vengono controllate direttamente da un software. Rientrano in questa categoria i trasloelevatori e trasportatori automatici.
La gestione dei mezzi di movimentazione è essenziale per migliorare la logistica di magazzino
La gestione dei mezzi di movimentazione è essenziale per migliorare la logistica di magazzino

3. Picking e preparazione ordini

Le attività di picking e packing rappresentano un altro tassello che compone la logistica di magazzino. Queste vengono condizionate dalla logica di prelievo (“merce all’uomo” o “uomo alla merce”) e da altri fattori quali:

  • L’altezza di prelievo: altezza terra, livelli bassi, medi e alti (primo, secondo livello di prelievo).
  • La logica di prelievo: sono gli operatori a dirigersi verso gli scaffali o sono presenti soluzioni automatiche che consentono di applicare il metodo di picking good-to-men?
  • Le modalità di picking: prelievo singolo, picking massivo, batch picking, wave picking, pick-to-cart...

Per trovare il metodo di picking più efficiente è necessario eseguire uno studio approfondito delle attività di magazzino e degli obiettivi che si vogliono raggiungere, in termini di ordini giornalieri processati.

4. Gestione dello stock e inventario

La gestione dello stock è essenziale per regolare in maniera ottimale i flussi di materiali in ingresso e in uscita dal magazzino. In questo senso, i moderni gestionali e sistemi informatici permettono di gestire al meglio il magazzino, poiché registrano ogni movimento di merce che si verifica al loro interno.

I sistemi informatici più utilizzati sono:

  • Dispositivi di lettura e trasmissione delle informazioni: sono i terminali RF (a radiofrequenza) e i dispositivi a supporto delle attività di prelievo, come il voice picking o il pick-to-light. Tali dispositivi mettono in comunicazione il sistema informatico con il magazzino.
  • Sistemi di gestione del magazzino: questo software organizza tutte le fasi operative del magazzino inserendosi all’interno del più ampio sistema ERP, dove è presenta la base dati comune a entrambi i sistemi. Questi sistemi sono in grado di ottimizzare la posizione delle merci sugli scaffali, le liste di prelievo e il percorso degli operatori. Tra le altre qualità dei WMS, troviamo anche la capacità di gestire l’inventario in “real time”.

Inutile sottolineare l’importanza dei sistemi informatici anche per quanto riguarda la tracciabilità e il controllo delle merci lungo l’intero filiera produttiva.

5. Sicurezza in magazzino

Nella gestione quotidiana di un magazzino, sia il personale logistico sia le merci sono esposti a una serie di rischi, che non devono essere sottovalutati, e che devono essere gestiti in maniera seguendo alcuni accorgimenti:

  • Prevenzione dei rischi sul lavoro: è essenziale adottare tutte le misure di sicurezza al fine di evitare rischi per la salute dei lavoratori mentre sono impegnati sul luogo di lavoro. Dopo una prima fase di valutazione dei rischi, si passa alla fase nella quale vengono individuati e installati i sistemi di sicurezza necessari. Infine bisogna comunicare ai lavoratori come seguire le procedure di sicurezza implementate.
  • Sistemi di sicurezza per le merci: l’uso inadeguato dei sistemi automatici e dei mezzi di movimentazione possono causare dei danni alle installazioni, alle merci e agli operai. Per questo motivo è buona prassi investire nella segnaletica e nello sviluppo di chiare norme di transito da applicare all’interno dell’impianto.
  • Verifiche e controlli: i sistemi di scaffalature devono essere verificati periodicamente. Va ricordato che ispezione tecnica delle scaffalature è obbligatoria.
Verifiche e controlli delle sono obbligatori e permettono di lavorare in sicurezza
Verifiche e controlli delle sono obbligatori e permettono di lavorare in sicurezza

L’importanza di una logistica di magazzino efficace

La logistica di magazzino si basa su una serie di regole organizzative che interessano delle aree di lavoro specifiche che richiedono un certo equilibrio tra tutti i fattori che abbiamo descritto in questo articolo.

Saper trovare la quadratura del cerchio nell’attuale panorama logistico però risulta complesso, visto che le abitudini dei consumatori cambiano rapidamente, e con essere il modo di fare logistica.

Se vuoi raggiungere l’eccellenza nella gestione del magazzino, ti invitiamo a consultare il nostro blog. Se cerchi un partner per sviluppare i tuoi progetti logistici, contattaci: metteremo a tua disposizione tutta la nostra esperienza nei sistemi di stoccaggio.