Circuito di nastri trasportatori

Procedura di picking automatizzata: 5 soluzioni imprescindibili

02 maggio 2019

Per procedura di picking si intende il processo di selezione e prelievo degli articoli che si trovano allocati nei sistemi di stoccaggio all'interno di un magazzino. Questa procedura si può realizzare manualmente o può essere "automatizzata". Quando si parla di picking automatico, infatti, ci si riferisce a tutte le attività che vengono svolte dalle macchine in sostituzione del lavoro manuale.

Ma quali macchine e apparecchiature sono necessarie per "automatizzare le procedure di picking"? Dipende dalle necessità delle imprese. Proprio come accade per il magazzino, che può presentare diversi livelli di automazione, anche il picking può essere automatizzato in funzione delle esigenze specifiche di ogni azienda (caratteristiche del prodotto, tipo di layout del magazzino, superficie disponibile ecc.).

Trasloelevatori, trasportatori industriali, robot antropomorfi: ognuno di questi sistemi, se preso singolarmente, è in grado di migliorare una parte delle procedure di picking. I vantaggi più grandi però si notano quando vengono installati in maniera combinata, poiché permettono la realizzazione dell'intero processo: prelievo degli articoli, la movimentazione all'interno del magazzino, il consolidamento e la spedizione.

Procedura più veloce ed efficiente

Il management delle aziende analizza a fondo le questioni relative al picking di magazzino, in quanto è un processo costoso che si cerca sempre di ottimizzare al massimo. E ottimizzazione sempre più spesso fa rima con automazione. Nel caso delle procedure legate al picking automatizzato, i vantaggi sono abbastanza evidenti. Ecco una rapida lista dei benefici che apporta il "passaggio all'automatico":

  • Velocità: le attività di picking svolte dalle macchine raggiungono velocità e livelli di efficienza più alti rispetto alle stesse attività svolte manualmente. Seppur esistano dei modi per migliorare il picking manuale, i sistemi automatici si rivelano più efficaci quando si gestiscono molti codici ed è necessario lavorare rapidamente e senza commettere errori (soprattutto se gli ordini sono concentrati in fasce orarie ben precise).
  • Sicurezza: le macchine realizzano le attività di picking automatico rispettando le rigide misure di sicurezza vigenti all'interno dei magazzini. Apparecchiature di questo tipo sono dotate di sensori e di fotocellule che rendono estremamente sicuro ogni movimento.
  • Precisione: i sensori installati sulle macchine sono progettati per calibrare ogni spostamento al millimetro, eliminando in questo le possibilità di errori, incidenti e danni.

Per le imprese tutto ciò significa una migliore ottimizzazione dei costi operativi, poiché si è in presenza di un incremento dei livelli di efficienza associati al miglioramento generale dell'intero processo e a minori esigenze di personale.

Elementi necessari per automatizzare la procedura di picking

Per automatizzare il picking si fa di solito riferimento a 5 sistemi principali: trasloelevatori, trasportatori industriali ed elettrovie, robot antropomorfi, postazioni di ispezione e avvolgitrici. Ognuno di questi elementi, in teoria, può essere installato in un magazzino singolarmente. Vale la pena però sottolineare che il loro rendimento aumenta in maniera esponenziale quando lavorano in maniera combinata.

1. Trasloelevatori

I trasloelevatori prelevano e depositano le merci dalle loro ubicazioni sulle scaffalature. Queste macchine sono pensate per diversi tipi di supporti: esistono infatti trasloelevatori miniload per contenitori (o casse e vassoi) e traslatori elevatori per pallet. A seconda del modello e delle funzioni, i trasloelevatori possono realizzare il deposito e il prelievo delle merci in un solo spostamento (ciclo combinato).

2. Nastri trasportatori

I nastri trasportatori a rulli o a catene si usano per realizzare la movimentazione dei singoli colli o dei prodotti già imballati fra le distinte aree del magazzino. Spesso vengono installati in prossimità delle baie di carico o nell'area di ricevimento e spedizione delle merci in combinazione con un circuito di trasportatori. In questo modo è possibile svletire le operazioni di carico e scarico delle merci da camion o container.

3. Robot antropomorfi

I robot antropomorfi (chiamati anche Automated Picking Systems) sono dotati di un braccio meccanico che realizza la pallettizzazione delle unità di carico. Tali sistemi dispongono di software avanzati capaci di analizzare i parametri dei prodotti (peso e forma) e di decidere la maniera migliore per impilare i carichi sui bancali.

Il dato che balza immediatamente riguarda il rapporto tra quantità e velocità delle merci che i robot sono capaci di gestire: più di 1.000 colli ogni ora. La preparazione simultanea, sicura e veloce di più ordini migliora l'intero processo di picking. Nel video che vi proponiamo qui di seguito, si osserva il funzionamento di un magazzino in cui sono stati installati diversi tipi di sistemi automatici a cui si somma un robot antropomorfo a supporto delle procedure di picking.

Quando vale la pena investire in soluzioni di questo tipo? Il picking automatico supportato da un robot antropomorfo trova sicuramente più spazio nei magazzini in cui si preparano grandi volumi di ordini (soprattutto di merci pallettizzate) in quantità stabili nel tempo, come avviene nel magazzino di Euréquip, ad esempio.

Robot antropomorfo integrato nel sistema di trasportatori industriali dell'impresa Euréquip
Robot antropomorfo integrato nel sistema di trasportatori industriali dell'impresa Euréquip

4. Postazione di ispezione entrante, avvolgitrici ed etichettatura automatica

Le postazioni di ispezione entrate vengono installate in diverse aree del magazzino allo scopo di migliorare il controllo delle merci in fase di entrata e di uscita dal magazzino. I sensori di cui sono dotate, leggono le etichette presenti sui bancali e ne identificano il contenuto.

Grazie a queste postazioni si garantisce la corretta disposizione dei carichi e si inviano le informazioni al software WMS, che realizza l'etichettatura automatica dei prodotti e invia le merci alle avvolgitrici per pallet.

5. Sistemi di gestione del magazzino

Il software di gestione magazzino è indispensabile per coordinare le attività di picking in maniera efficiente. In un WMS sono presenti tutte le informazioni necessarie per lavorare in tempo reale su ogni aspetto legato alla preparazione degli ordini.

Automazione dei processi e intralogistica

La procedura di picking trova nell'automazione una grande alleata per portare ai massimi livelli la produttività di questo processo. Esistono infinite configurazioni e possibilità per "automatizzare" la preparazione degli ordini. Non tutti i magazzini si comportano allo stesso modo: alcuni propendono per l'automatizzazione totale, mentra altri optano per l'implementazione di soluzioni singole.

La soluzione è da ricercare caso per caso. Alle volte, ad esempio, la chiave sta nel giusto mix di sistemi automatici e semiautomatici. Se stai cercando un modo per ottimizzare la preparazione degli ordini, ma non sai quale strategia di picking scegliere, contattaci: un nostro esperto analizzerà le tue esigenze e ti proporrà la soluzione migliore per il tuo magazzino.