Addetto al picking che realizza operazioni di prelievo di merci

Evasione ordini: principali strategie per il picking

14 giugno 2019

Con evasione ordini, traduzione dell'espressione inglese "order fulfillment", ci si riferisce al processo che comprende l’insieme di attività che inizia nel momento in cui un cliente invia l'ordine e che termina con la spedizione dello stesso.

In un magazzino, ad esempio, l'evasione di un ordine si può scomporre in questo modo: si riceve l'ordine, lo si processa, si prepara e si invia al cliente. Più veloce è la preparazione degli ordini, più il livello di servizio è efficiente (dal punto di vista dei clienti) ed efficace (dal punto di vista operativo ed economico dell'azienda).

Ora, nell'e-commerce i tempi di evasione di un ordine - ovvero l'intervallo di tempo che trascorre dalla ricezione alla consegna al corriere - sono essenziali e dipendono anche dalla strategia di picking adottata per la preparazione degli ordini.

Per fortuna, esistono molteplici strategie di preparazione degli ordini e tutte inseguono un solo obiettivo: l'efficienza. In questo articolo ne parliamo approfondendo soprattutto il discorso legato alle metodologie di picking, elemento essenziale dell'intero processo di fulfillment.

Evasione ordini efficiente: gli obiettivi da raggiungere

Ogni azienda cerca di migliorare il proprio livello di servizio per l’importanza che riveste sì in termini di efficienza, che di flusso di cassa. Le diverse strategie di preparazione degli ordini servono proprio a lavorare su questo aspetto, dal momento che perseguono quattro obiettivi principali:

  • Ridurre a zero gli errori di picking.
  • Ottimizzare i percorsi degli operatori e abbattere i tempi di spostamento.
  • Diminuire numero e tempi delle operazioni.
  • Mantenere una rotazione dello stock equilibrata, ricorrendo, ad esempio, ai metodi di gestione delle scorte LIFO o FIFO.

Strategie di picking per una rapida evasione degli ordini

Le numerose strategie di preparazione degli ordini possono essere suddivise in base ai seguenti criteri: il metodo di prelievo adottato dagli operatori, il livello di automazione del magazzino e l'ubicazione delle merci. Ognuna di esse va a determinare la qualità del processo di fulfillment a livello globale. Vediamo quali sono le strategie principali.

1. Metodi di prelievo e preparazione ordini

La preparazione degli ordini può realizzarsi nei seguenti modi:

  • Per singolo ordine: è il metodo più semplice. L'operaio preleva un prodotto e prepara l'ordine a continuazione. Si usa questo metodo quando si preparano grandi volumi di ordini di un solo codice SKU.
  • Batch picking: l'operatore preleva contemporaneamente per tutte le liste su tutto il magazzino un solo codice.
  • Picking per zona: a ogni operatore viene assegnata una sola zona di prelievo all'interno del magazzino.
  • Prelievo a ondate o wave picking: può combinare aspetti del batch picking e del picking per zona. La differenza in questo caso è che il prelievo avviene in un intervallo di tempo specifico.
Un magazzino automatico Miniload rende possibile applicare una metodologia di prelievo <em>Goods-to-man</em>
Un magazzino automatico Miniload rende possibile applicare una metodologia di prelievo Goods-to-man

2. Metodologia di prelievo: manuale e automatizzata

In un magazzino le procedure di picking possono essere manuali o automatiche. A seconda delle loro caratteristiche è possibile applicare due metodologie di prelievo: "uomo alla merce" o "merci all'uomo". Dalla scelta del criterio dipende la configurazione dell'impianto, che si ripercuote a sua volta sulla velocità di evasione degli ordini

  • Goods-to-man: si applica nei magazzini automatici in cui trasloelevatori, trasportatori industriali e software lavorano in sinergia riducendo gli errori e velocizzando la fase operativa. In questi impianti le merci viaggiano verso le postazioni di picking, rendendo le attività di prelievo estremamente efficienti.
  • Man-to-goods: si mette in atto nei magazzini tradizionali. In questo caso il prelievo avviene manualmente e sono i dipendenti a muoversi in direzione dei prodotti. Si tratta di una metodologia più esposta alle inefficienze e agli errori, tanto che le aziende investono nell'acquisto di dispositivi e attrezzature a supporto del lavoro degli addetti al picking (ad esempio dispositivi RF e mezzi di movimentazione come carrelli elevatori, transpallet o commissionatori).

3. Altezze di prelievo e scelta dei mezzi

In un magazzino manuale le tempistiche del picking dipendono dall'altezza a cui avverrà il prelievo. Per evitare di rallentare le operazioni, è importante scegliere i mezzi di sollevamento adatti a ogni circostanza. Li elenchiamo qui di seguito.

  • Picking a livello terra: transpallet manuale o elettrico.
  • Picking a livelli bassi (altezza operatore): commissionatori per prelievi a basso livello.
  • Picking a livelli medi (3,5 o 4 m): carrello elevatore.
  • Picking a livelli alti: carrelli elevatori trilaterali.

Investire in efficienza

L'efficienza nell'evasione degli ordini dipende in grande misura dalle risorse a disposizione di un'impresa. Gli investimenti in nuove tecnologie e in migliori sistemi di stoccaggio incidono direttamente sui seguenti aspetti:

  • Velocità del picking: investire in soluzioni automatiche permette di efficientare le operazioni e di ridurre gli errori. A fronte di un esborso iniziale maggiore, si ottiene un ROI più rapido.
  • Agilità e accuratezza nella movimentazione delle merci: si riduce il numero di danni causati alle merci, di errori e i rischi legati alla sicurezza all'interno di un magazzino.
  • Quantità di ordini processabili: la quantità di liste e i rispettivi tempi di evasione dipende dai mezzi impiegati e dagli elementi infrastrutturali dell'impianto. Investire in questi aspetti permette di gestire l'evasione degli ordini in-house senza dover fare outsourcing logistico.
  • Superficie di magazzino: i costi degli immobili logistici sono elevati. L'investimento in magazzini automatizzati in questo caso può risultare meno oneroso rispetto all'acquisto del suolo su cui edificare.

Evadere un ordine in tempi brevi è essenziale per le aziende, specie quelle dell'e-commerce, in quanto contribuisce ad aumentare i profitti e valorizza il brand (che verrà percepito come affidabile da parte dei clienti).

Considerando che si tratta di un processo "decisivo" a livello logistico, bisogna analizzare tutto con dovizia e non lasciare nulla al caso. Sfrutta la nostra esperienza: contatta i nostri esperti per ottenere delle soluzioni concrete e fattibili con cui migliorare la performance del tuo magazzino.