Droni per svolgere l’inventario e il monitoraggio delle scorte

I droni fanno decollare la logistica di magazzino

19 novembre 2020

I droni e la logistica iniziano a volare in sincronia. Questi apparecchi trovano diverse applicazioni nei magazzini: si occupano di individuare oggetti difficili da localizzare; realizzano l’ispezione dei livelli superiori degli scaffali; entrano in zone del magazzino a cui sarebbe impossibile accedere.

In più, i droni possono essere utilizzati per le consegne degli articoli ai clienti, aspetto particolarmente importante in un momento in cui lo standard è rappresentato dalle spedizioni in 24 ore. Questa è forse l’applicazione dei droni in cui le aziende che ripongono maggiori aspettative, dato che il trasporto delle merci per via aerea riduce i ritardi nei tempi di consegna e permetterebbe di migliorare le performance delle last mile delivery.

Ad ogni modo questa tecnologia è relativamente giovane, per cui deve ancora superare alcuni dei suoi limiti, di cui parleremo più avanti in questo articolo quando chiariremo alcuni aspetti legati all’implementazione dei droni nei magazzini e a quelle che potrebbero essere le loro funzionalità future.

Drone: definizione, applicazioni e potenzialità

Un drone, noto anche come UAV (acronimo inglese Unmanned Aerial Vehicle), è un aeromobile a pilotaggio remoto (APR). In genere un drone possiede dalle quattro alle otto eliche, dispone di un sistema GPS e ha montata una videocamera. Sebbene esistano modelli sofisticati controllabili da un computer e capaci di seguire un percorso prestabilito, la maggior parte dei droni non sono in gradi di muoversi in totale autonomia, ma richiedono la supervisione di un utente.

I droni sono nati Inizialmente in ambito militare per portare a termine attività di ricognizione. Essendo più economici e più piccoli degli elicotteri, i droni svolgono funzioni tattiche cruciali a livello militare, ma senza mettere a rischio la vita di un pilota.

Con il tempo il ventaglio di applicazioni dei droni si è esteso al punto da poter essere impiegati anche in altri settori:

  • Energia e infrastrutture. Le aziende energetiche sfruttano i droni per il monitoraggio delle loro infrastrutture (dalle miniere ai parchi eolici offshore).
  • Agricoltura e silvicoltura. Sono utilizzati per controllare lo stato delle colture e rilevare irregolarità. Inoltre vengono impiegati sia per il monitoraggio della fauna selvatica sia per individuare gli incendi boschivi.
  • Edilizia. Sono utilizzati per controllare l’avanzamento di alcune costruzioni e per ispezionare gli edifici. Questi usi dei droni risultano particolarmente utili in seguito a una calamità naturale (ad esempio, dopo un terremoto).
  • Cinema e fotografia. I droni vengono impiegati nella realizzazione di reportage fotografici o video visti dal cielo.

Drone e logistica

Di recente il drone si è ricucito un spazio anche in ambito logistico dove in futuro potrebbe diventare un elemento centrale nella trasformazione dei magazzini. Il drone realizzerebbe tre operazioni specifiche all'interno della supply chain:

Consegna degli ordini

I droni potrebbero consegnare gli ordini ai clienti per via aerea. Questa soluzione apporterebbe i seguenti vantaggi alle aziende: costi di invio inferiori, consegne più rapide, meno trasporto su strada (fattore indispensabile in chiave sostenibilità). Le consegne con droni risulterebbero particolarmente efficaci sia nelle aree metropolitane, sia nelle aree rurali più isolate.

Aziende come UPS, Amazon o Google (attraverso l’azienda di proprietà Wing) stanno sviluppando progetti relativi alla consegna degli ordini mediante droni. Per utilizzare questo servizio, i clienti dovrebbero installare un'applicazione sui loro telefoni cellulari con cui tracciare la posizione esatta del drone e specificare una posizione di ritiro. Al momento si tratta di progetti ancora in fase sperimentale.

Va detto però che questi dispositivi hanno un'autonomia limitata, per cui il loro impiego è consigliato soprattutto nei centri di distribuzione situati vicino ai clienti. Nonostante possa sembrare un’applicazione logistica allettante, va detto che esistono dei fattori che fanno dubitare dell’efficacia dei droni per quel che fa le consegne. In primo luogo non possono suonare il campanello delle case, né entrare all’interno dei condomini. In più sono dispositivi altamente sensibili ai cambiamenti meteorologici: un temporale improvviso potrebbe far cadere un drone, rappresentando un pericolo per la sicurezza dei pedoni.

Ispezione e controllo del magazzino

I droni potrebbero agevolare il controllo dei magazzini e rendere ancora più accurata l'ispezione tecnica delle scaffalature, proprio perché sono sono in grado di raggiungere ed esaminare il soffitto o i livelli superiori delle strutture di stoccaggio. Con l'evolversi della tecnologia, i droni potrebbero anche eseguire piccole riparazioni in aree di difficile accesso.

Ci sarebbe poi il “drone sentinella”, ovvero il dispositivo che opera come un sistema di sorveglianza che vigila le entrate del magazzino. Questa applicazione è particolarmente vantaggiosa perché i droni possono volare senza interruzioni per molte ore, svolgendo la loro funzione con la massima efficienza durante lunghi turni di lavoro.

Inoltre, offrono una visuale area del magazzino che può essere utilizzata per studiare lo svilupparsi delle operazioni di logistica interna e ridurre i rischi legati al lavoro degli operatori.

Droni per l’inventario di magazzino

Per quanto riguarda gli aspetti gestionali del magazzino, i droni potrebbero contribuire in futuro a migliorare tutte quelle attività e operazioni legate all inventario. Questi dispositivi non sostituirebbero i magazzinieri, ma opererebbero al loro fianco per fare l’inventario più rapidamente e in modo efficace.

I droni attraverserebbero il magazzino in modo controllato, con un piano di volo e una rotta predeterminata. Grazie alle telecamere e a un sistema di identificazione dei codici a barre o tag RFID, rivelerebbero la posizione di ogni articolo. Va sottolineato però che tutto ciò sarebbe possibile solo mediante l’integrazione dei droni con un sistema di gestione del magazzino.

Vantaggi e svantaggi dei droni

Non c'è dubbio che i droni generino nei manager della logistica entusiasmo e dubbi allo stesso tempo. Da un lato è possibile intravedere tutto il loro potenziale, dall’altro sono i limiti da superare sono tangibili. Proviamo ora a separare pro e contro dei droni in ambito logistico.

Vantaggi dei droni:

  • Velocità. I droni sono in grado di raggiungere velocità elevate. La FAA (Federal Aviation Administration), l'ente governativo responsabile dell'aviazione civile negli Stati Uniti, ha stabilito una velocità massima consentita di 160 chilometri orari per i droni.
  • Accessibilità. I droni possono raggiungere qualsiasi luogo, anche quelli inaccessibili su strada.
  • Prestazioni. Questi dispositivi possono volare senza sosta per ore, qualità importante sia nelle attività di consegna sia in quelle di controllo.
  • Sicurezza. I droni sono dotati di telecamere che registrano tutto ciò che accade mentre volano.

Svantaggi dei droni:

  • Legislazione. Non è stata ancora sviluppata un'ampia legislazione relativa all’utilizzo di questi dispositivi nello spazio aereo, quindi le rotte del traffico aereo non sono state ancora definite.
  • Legislazione. Non è stata ancora sviluppata un'ampia legislazione relativa all’utilizzo di questi dispositivi nello spazio aereo, quindi le rotte del traffico aereo non sono state ancora definite.
  • Costi. I droni più sofisticati sono ancora costosi, risultando inaccessibili per molte aziende.
  • Limitazioni. I droni presentano capacità di carico e autonomia differenti a seconda del modello. È comune trovare dispositivi che supportano carichi compresi tra 10 e 30 kg, ma esistono progetti di droni commerciali capaci di sollevare fino a 200 kg.
Droni per svolgere l’inventario e il monitoraggio delle scorte
I droni collaborano nelle pratiche di inventario monitorando gli articoli immagazzinati nei sistemi di stoccaggio

Droni: presente e futuro della logistica

I droni presentano sicuramente dei vantaggi allettanti, ma anche una serie di limiti riscontrabili nella loro applicazione logistica. Se è vero che possono spostare oggetti molto rapidamente e ispezionare aree difficili da raggiungere (evitando errori inventariali), è altrettanto certo che capacità di carico e autonomia sono attualmente limitate.

È innegabile comunque che i droni rappresentano il cambiamento e, se la tecnologia dovesse essere sviluppata correttamente, questi dispositivi potrebbero trasformare (in meglio) i processi della supply chain. Ciò comporterà dei cambi nelle aziende, che dovranno migliorare e modernizzare le proprie strutture, configurandole per una nuova era logistica.