Utilizziamo cookie propri e di terzi per offrirti una migliore esperienza e un servizio migliore. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookie Policy. Accettare

Codice a barre e Tag RFID per l'inventario di magazzino

Il codice a barre e Tag RFID sono due fedeli alleati per realizzare l'inventario di maggazzino e per la tracciabilità delle merci. Gli impianti moderni sfruttano queste tecnologie per sveltire e ottimizzare i processi di picking.

Il codice a barre e l'etichetta RFID (identificatore che usa la radiofrequenza per la trasmissione dei dati) servono quindi a identificare ogni singola unità gestita nel magazzino, rispettivamente mediante l'uso di un lettore laser di codice a barre o di un lettore RFID (radio).

Scanner per identificazione articoli.

Scanner per l'identificazione dei codici a barre presenti sugli articoli. Fonte: Mecalux.

Entrambi i sistemi seguono rigorose norme omologate di applicazione generale che consentono di identificare i seguenti dati:

  • prodotto in questione
  • produttore
  • tracciabilità
  • dati logistici
  • caratteristiche specifiche

Comprendere il funzionamento dei barcode e dei tag contribuisce a una miglior controllo dello stock e facilita l'ottimizzazione dei processi di stoccaggio e di picking.

Come funziona il barcode

Questo tipo di tecnologia si basa sulla stampa grafica su etichetta delle barre (che vengono poi attaccate sugli articoli, sugli imballaggi o sulle confezioni). La generazione di tali barre deve rispettare degli standard di codificazione omologati.

Quando le barre vengono digitalizzate (lette) con un terminale laser, questo elabora i dati e li trasmette al sistema di gestione per avere una tracciabilità degli stessi e per individuare l’ubicazione delle scaffalature, dei pallet o dei contenitori.

Tutti i sistemi automatici, sia gestionali sia di movimentazione, necessitano di questo tipo di codici per trasmettere i dati relativi al carico movimentato in ogni momento.

Tipi di codice a barre

Esiste una grande varietà di codici a barre che bisogna conoscere per applicare ai prodotti la giusta simbologia. Si tratta di un qualcosa di fondamentale vista la crescita dell'e-commerce e l'aumento delle spedizioni all'estero nel settore del retail. Vediamo quali sono i più importanti barcode.

Codice EAN-8 ed EAN-13

I codici più comuni sono il tipo EAN-8 e EAN-13. La sigla EAN (European Article Number) è una famiglia di codici a barre usata in più di cento paesi.

Il codice EAN-13 contiene informazioni sul paese, produttore, denominazione del prodotto interna e check digit; questo barcode si integra nei processi di stoccaggio automatico apportando maggiore velocità e sicurezza alle operazioni.

Il codice EAN-8 conserva le stesse proprietà del EAN-13, però presenta una minore quantità di linee, caratteristica che lo rende ideale per prodotti di piccole dimensioni.

Esempio di un'etichetta con codice a barre EAN-13 con cui si identifica il prodotto.

Esempio di un'etichetta con codice a barre EAN-13 con cui si identifica il prodotto.

 

Esempio di un'etichetta con codice a barre EAN-128 con cui si identifica il prodotto.

Esempio di un'etichetta con codice a barre EAN-128 con cui si identifica il prodotto.

Infine c'è il codice EAN-128 che fornisce dati il più delle volte usati per lo scambio di informazioni tra aziende. Si tratta di un barcode usato specialmente nel settore della grande distribuzione.

Codici UPC-E e UPC-A 

Si tratta di codici standard utilizzati negli Stati Uniti e in Canada che contengono solo cifre numeriche. Seppur il codice EAN sia accettato in entrambi i paesi, è preferibile utilizzare un codice UPC-A nei casi di prodotti destinato esclusivamente a questi due mercati.

Come viene anche indicato su GS1.it, dal 2005 i retailer degli Stati Uniti e Canada accettano prodotti con codice EAN evitando così l'obbligo di doppia codifica per i produttori. Ad ogni modo è sempre opportuno procedere alla verifica dello stato di adeguamento dei clienti in quanto a codici e scanner.

Codice ISBN

Per quanto riguarda il codice ISBN, questo viene usato principalmente per le pubblicazioni. Come indica il suo acronimo International standard book number, si tratta di un'etichetta specifica per questo settore che permette di identificare in maniera precisa l l'area nazionale e linguistica, l'editore, il titolo e il carattere di controllo del libro.

Codifica mediante TAG RFID

Si tratta di un tipo di identificazione dei prodotti mediante radiofrequenza che sfrutta l'applicazione di un chip (o Tag). Quando l’etichetta si trova nel raggio d'azione di un'antenna speciale, le informazioni contenute nel tag vengono automaticamente lette dal terminale manuale.

Il vantaggio di questa tecnologia consiste nella grande rapidità di lettura considerando che non è necessario che l'etichetta sia rivolta verso il lettore. Nell'ambito dello stoccaggio, rende più rapidi le fasi di identificazione delle ubicazioni (le posizioni delle unità stoccate).

Ciò avviene perché il TAG assegna un codice di identificazione unico per ogni singola unità permettendo un controllo totale di tutti i singoli articoli presenti in magazzino.

Il tag RFID è più veloce nelle operazioni di lettura

Il tag RFID rende più rapide le operazioni di lettura.

Elementi che compongono il TAG RFID

1. Contatto

2. Condensatore

3. Microchip: il dispositivo che memorizza le informazioni sul prodotto.

4. Antenna di trasmissione: può essere a bassa frequenza, emettendo onde radio fino a 2 metri di distanza (in media) o ad alta frequenza, la cui capacità di trasmissione può raggiungere i 100 metri di distanza.

Dall'uso di un sistema RFID ne guadagna l'intera supply chain perché sarà possibile coordinare in maniera più precisa la registrazione delle merci in uscita, l'elaborazione degli ordini e le entrate permettendo così di sfruttare al massimo il magazzino.

Differenze Codice a barre e Tag RFID

Scegliere il sistema corretto al momento di progettare un centro logistico dipenderà dal tipo di unità di carico che si movimenteranno all'interno dell'impianto e dalla velocità dei flussi delle merci.

I codici a barre sono poco costosi, però presentano più processi che vanno dall'acquisto dei codici stessi fino alla loro corretta applicazione su ogni prodotto. Anche la fase di lettura si presenta come più lenta con la scansione che deve avvenire frontalmente.

I tag RFID invece hanno costi maggiori che possono oscillare in funzione della tipologia di chip. Il grande vantaggio di questa tecnologia è che, a fronte di un maggior investimento, è probabile che segua una maggior efficienza e controllo sul magazzino, con processi più rapidi, migliore sfruttamento dello spazio e, pertanto, un incremento dei profitti.

Other topics in this category