Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Gestione del magazzino

Oggi più che mai la gestione del magazzino è un elemento chiave perché un'azienda possa generare profitti. In un impianto performante sono stati definiti in maniera intelligente, calibrata e attenta tutti gli aspetti gestionali, che dovrebbero essere studiati fin dalle fasi di progettazione del centro.

Investire in software di gestione del magazzino, in tecnologia, puntare sull'innovazione continua, è essenziale per risultare competitivi nel breve e lungo termine. Al contempo, è un fattore essenziale per aumentare produttività ed efficienza di un impianto.

Processi controllati

Dalla corretta organizzazione e gestione del magazzino dipendono:

  • Controllo dello stock.
  • Livello di servizio.
  • Rendimento operativo.
  • Efficienza delle operazioni di logistica interna, quali ad esempio movimentazione e picking.
  • Ottimizzazione delle operazioni di stoccaggio e gestione dei flussi di merci.

La corretta gestione del magazzino evita poi disordine, imprevisti e sprechi che possono andare a incidere direttamente sul bilancio aziendale. In un magazzino gestito in maniera emergono invece i seguenti aspetti: 

  • Poca sicurezza nello svolgimento delle fasi operative.
  • Assenza di una piano per l'ottimizzazione delle risorse.

Entrambi questi punti possono condizionare i KPI e i lead time della logistica, impattando direttamente su diversi processi di magazzino, creando un effetto cascata (un rallentamento di un processo singolo significa un abbassamento dei livelli di servizio e dei tempi di consegna generali e, quindi, una minore soddisfazione dei clienti).

Il magazzino è smart

Per evitare spiacevoli sorprese è necessario rendere il centro una "macchina" efficiente, gestita in modo intelligente, al fine di ottenere il maggior rendimento possibile. Attualmente, ad esempio, è impossibile concepire un hub logistico privo di un software WMS.

Software WMS di Mecalux

Software WMS di Mecalux.

In uno scenario dominato dalle nuove tecnologie, la componente digitale, così come le infrastrutture informatiche, si convertono in strumenti indispensabili per le aziende. Un Warehouse Management System è oggi perno attorno al quale ruotano, in modo fluido e preciso, tutte le fasi operative di un magazzino.

Il software SGM ottimizza la gestione del magazzino.

Il software SGM ottimizza la gestione del magazzino.

Integrazione tra WMS, sistema ERP e 3PL

Per una gestione del magazzino ottimale, le imprese integrano i software di gestione del magazzino nel proprio sistema ERP.  La connessione tra i due sistemi, permette di raccogliere una serie di dati che servono ad analizzare e migliorare i processi aziendali a più livelli. La comunicazione in tempo reale con il sistema centrale dell'azienda (ERP) permette di inviare - trasversalmente a tutti i reparti di un'impresa - una fotografia precisa dello stato delle fasi operative.

Questi sistemi sono utili anche in quei casi in cui si esternalizzano i servizi logistici (Logistica 3PL o Third Party Logistics) e di stoccaggio. Le imprese imprese specializzate nella gestione delle merci provenienti da più committenti si avvalgono dei software per gestire le attività di picking, montaggio componenti o trasporto, ad esempio. Nel centro di un operatore logistico, dove sono presenti le merci di vari clienti, il software viene utilizzato con il principio di multiproprietà, permettendo ai diversi attori della supply chain di comunicare in maniera uniforme.

Un maggazino 3PL

Il software WMS è il cervello del magazzino dinamico.

Come avviene la gestione delle merci e delle ubicazioni?

La progettazione relativa alla gestione del magazzino deve essere realizzata conformemente a un'analisi funzionale previamente elaborata. Lo studio deve centrarsi sulle varie fasi dei flussi dei materiali, sulle caratteristiche degli impianti e dei relativi componenti.

Nella sistemazione delle merci all'interno del magazzino bisogna considerare la rotazione dei prodotti ed è auspicabile realizzare un'analisi delle merci per suddividerle in classi (ABC). In questo modo si sistemeranno i prodotti di tipo A nei punti più vicini e accessibili agli operatori, e le categorie B e C nelle zone più distanti dell'impianto.

Il criterio di ubicazione utilizzato nelle scaffalature condizionerà il modo di lavorare e la capacità effettiva.

Esistono tre modalità per determinare l’ubicazione di ciascuna unità di carico:

  1. Ubicazione specifica o fissa: a ciascun articolo si assegna una posizione fissa. Il vantaggio di questo criterio consiste nella facilità di localizzazione delle referenze. Gli operatori conoscono l'ubicazione di ogni articolo senza ricorrere ad alcun ausilio informatico. Lo svantaggio? La perdita di capacità effettiva, di gran lunga inferiore a quella fisica (numero di posti pallet). Un criterio del genere è ideale in magazzini di dimensioni ridotte che non richiedono software o sistemi gestionali.
  2. Ubicazione aleatoria (caotica, libera o varia): la merce viene stoccata in una postazione libera a caso, secondo una logica prestabilita e parametrizzata (programmata) nel software SGM che tiene conto dell'analisi ABC. Il sistema, con tutti i dati inseriti, incluse le ubicazioni libere, indica all'operatore dove stoccare la merce o dove si trova. Lo stoccaggio caotico avvicina la capacità effettiva alla capacità fisica, con la possibilità che possa oltrepassare il 92%.
  3. Ubicazione mista o semialeatoria: combina il sistema specifico e quello aleatorio in funzione della tipologia di prodotto o dell'operazione da realizzare. L’ubicazione specifica viene dunque utilizzata per prodotti ad alta rotazione, che si trovano vicini alle baie di carico o alle aree di picking, mentre quella aleatoria per prodotti delle aree di riserva.

La gestione dei vani nei sistemi specifici, segue criteri di produttività legati all'ottimizzazione dei percorsi di preparazione degli ordini. Oltre a scegliere il criterio adeguato, è indispensabile disporre di un SGM.

Una gestione efficiente

La gestione del magazzino attualmente è una delle attività più complesse che un'azienda è chiamata a svolgere. Il mercato cambia e tende ad eliminare i confini tra esperienza reale e digitale. Tutto ciò si riflette anche sul piano aziendale, con le imprese che collegano gli elementi strutturali dell'impianto ai software digitali.

Risparmiare tempo, capitale ed energie nella supply chain è cruciale per aumentare i profitti e continuare a investire nell'innovazione.  È consigliabile, soprattutto in materia di software e prodotti legati alla logistica 4.0, richiedere la consulenza di esperti. Se stai pensando di ottimizzare il tuo magazzino e di trasformarlo in un hub rapido ed efficiente, puoi contare sui nostri ingegneri: contattaci e saremo lieti di illustrarti le nostre soluzioni di stoccaggio.

Altri argomenti in questa categoria