Gli indicatori di performance del magazzino servono per misurare e controllare l'efficienza dei cicli logistici

9 indicatori di performance per misurare la gestione logistica

29 luglio 2022

Gli indicatori di performance del magazzino sono metriche che servono per calcolare e controllare l'efficienza dei cicli logistici all'interno dell’installazione. Noti anche come Key Performance Indicators (KPI), questi valori di rendimento consentono di identificare i punti di forza e di debolezza relativi alla gestione dello stock.

Grazie agli indicatori di performance, il Responsabile della Logistica può monitorare l'andamento dei processi, individuare opportunità di miglioramento e prendere decisioni in base all’effettiva produttività di ciascuna area dell’installazione.

Indicatori di performance per monitorare le prestazioni logistiche

Esistono molteplici indicatori di performance che analizzano la gestione della logistica. Nella scelta di quali metriche sono più determinanti per conoscere l'andamento dei cicli di stoccaggio, preparazione degli ordini e spedizione della merce, è indispensabile tenere conto di variabili quali le caratteristiche del magazzino, l'ubicazione della merce, il tipo di prodotto o l’unità di carico da stoccare, tra le altre.

Questi sono alcuni degli indicatori di performance più appropriati per monitorare le prestazioni logistiche:

1. Efficienza nel ricevimento della merce

Misura la produttività del lavoro svolto nell'area di ricezione del magazzino. Questa metrica è utile per valutare le prestazioni dei sistemi di trasporto e di stoccaggio, nonché l'efficienza dei dispositivi di ricezione e la formazione degli operatori. Un ricevimento razionale della merce riduce il rischio di perdita di stock e semplifica i cicli operativi come lo stoccaggio o la preparazione degli ordini.

La formula per misurare l'efficienza nel ricevimento della merce è:

Efficienza nella ricezione = volume di stock ricevuto / numero totale di ore lavorative

Ad esempio, se un'azienda riceve 480 unità di carico al giorno e il magazzino opera in tre turni di lavoro, l'efficienza nella ricezione sarebbe:

480 / 24 h = 20 unità di carico all’ora.

2. Occupazione delle baie di carico

Calcola la percentuale di occupazione delle baie di carico durante l'operazione di ricezione (o spedizione, o entrambe). Il 100% di occupazione del carico può indicare al Responsabile della Logistica la necessità di ampliare il piazzale del magazzino. La formula per questo indicatore di performance è:

Occupazione delle baie di carico = (baie di carico impiegate / baie di carico disponibili) x 100

Continuando con il caso precedente, se per ricevere i 480 pallet al giorno il magazzino utilizza solo 5 delle 7 baie disponibili, la percentuale di occupazione delle baie di carico è:

(5 / 7) x 100= 71% di occupazione delle baie di carico durante le attività di ricevimento.

3. Indice di rotazione dell’inventario

Misura il numero di volte in cui gli approvvigionamenti di merce vengono trasformati in ordini completi durante un determinato periodo di tempo (di solito un anno). In altre parole, questo indicatore calcola i tempi in cui i prodotti stoccati completano l'intero ciclo di attività (vendita, uscita dal magazzino e incasso). Come regola generale, un indice di rotazione delle scorte elevato è vantaggioso per l'azienda, poiché una maggiore movimentazione delle esistenze diminuisce i costi di stoccaggio.

Indice di rotazione dell’inventario = costo dei prodotti venduti / valore medio delle scorte

Ad esempio, se il costo dei beni venduti è di 720.000 € e il valore medio dello stock è di 120.000 €, l’indice di rotazione sarà:

720.000 / 120.000 = 6. Vale a dire che l'azienda rinnova tutto il suo inventario in media una volta ogni due mesi, dato che l’indice di rotazione dell'inventario è uguale a 6.

4. Indice di rottura di stock

Mostra la percentuale di ordini non evasi a causa della mancanza di scorte sufficienti per soddisfare la domanda. Il Responsabile della Logistica deve assicurarsi che questo valore sia il più basso possibile per garantire le consegne ai clienti.

Indice di rottura di stock = (numero di ordini non evasi per mancanza di stock / numero totale di ordini) x 100.

Se la media degli ordini inevasi per mancanza di esistenze è di 60 al mese su un totale di 450 ordini mensili, la percentuale di rottura di stock sarà:

(60 / 450) x 100 = 13,33% di rotture di stock nel magazzino

5. Precisione del picking

Questo indicatore di performance consente di calcolare l'efficienza delle operazioni di preparazione degli ordini. Un picking efficiente deve riflettere un valore numerico il più vicino possibile al 100%, il che significa che gli ordini vengono spediti senza errori e nel più breve tempo possibile.

Precisione del picking = [(numero totale degli ordini – resi di articoli sbagliati) / numero totale di ordini] x 100.

Pertanto, se un'azienda l'anno scorso ha spedito 5.400 ordini e i clienti ne hanno restituiti solo 350, la precisione del picking sarà:

[(5.400 - 350) / 5.400]  x 100 = 93,5% di precisione del picking.

La precisione del picking è uno degli indicatori chiave dell’efficienza di un magazzino
La precisione del picking è uno degli indicatori chiave dell’efficienza di un magazzino

6. Indice di ordini in sospeso

Indicatore di performance che indica il numero di ordini inevasi (in genere per mancanza di stock) rispetto al numero totale di ordini ricevuti. Affinché un magazzino sia efficiente, questo KPI deve essere il più vicino possibile allo 0.

Indice di ordini in sospeso = (numero di ordini inevasi / totale degli ordini) x 100

Se un magazzino non è in grado di preparare 30 dei 450 ordini che riceve al giorno, perché non dispone delle scorte necessarie per completarli, l’indice giornaliero degli ordini in sospeso sarà:

(30 / 450) x 100 = 6,6% di indice di ordini in sospeso.

7. Days on hand

Contabilizza il tempo in cui gli articoli rimangono stoccati nel magazzino. Noto anche come Days sales of inventory, questo KPI evidenzia di quanti giorni l'azienda ha bisogno per rinnovare completamente lo stock del magazzino. Questo indicatore di performance non mostra un valore obiettivo, poiché il tipo di attività, prodotto o installazione, determinerà effettivamente il numero ottimale di giorni. Ad esempio, in un magazzino di prodotti deperibili, il fatto che l'inventario tardi troppo ad essere rinnovato, può risultare un problema.

Days on hand = valore dell’inventario medio giornaliero / (valore dei beni venduti annualmente / 365 giorni)

Per risolvere questa formula, è necessario ottenere prima il valore medio giornaliero delle scorte, che viene calcolato come segue: (valore delle scorte all'inizio dell'anno + valore delle scorte alla fine dell'anno) / 2.

Immaginiamo il seguente esempio: un'azienda inizia l'anno con un inventario di 100.000 € e lo termina con 140.000 € di esistenze stoccate. Se la merce venduta nell'arco dell'anno ammonta a 720.000 €, i Days sales of inventory sono:

[(100.000 + 140.000) / 2] / [(720.000 / 365)] = 60,8 Days sales of inventory è il tempo medio durante il quale i prodotti rimangono nel magazzino.

8. Costo per ordine

Calcola il costo monetario che ogni ordine suppone per l'azienda, dal momento in cui il cliente ordina il prodotto fino alla sua consegna. Questo dato considera i costi di stoccaggio, di preparazione degli ordini o i costi energetici del magazzino, tra molti altri.

Un software come Supply Chain Business Intelligence fraziona e struttura tutte le informazioni che si generano nel magazzino
Un software come Supply Chain Business Intelligence fraziona e struttura tutte le informazioni che si generano nel magazzino

Costo per ordine = spese di magazzino totali / numero totale di ordini evasi

Prendiamo il caso di un'azienda con diversi costi legati allo stoccaggio, alla movimentazione dei prodotti e alla preparazione degli ordini, per un totale di 150.000 € all'anno. Se durante questo periodo l'azienda ha evaso 5.400 ordini, il costo per ordine è:

150.000 / 5.400 = 27,7 € di costo per ordine.

9. Indice di consegne puntuali e complete

Percentuale di ordini inviati completi ed entro i tempi di consegna accordati con il cliente. Il Responsabile deve pianificare la strategia in modo che questi dati siano i più alti possibili, al fine di garantire un buon servizio logistico.

Indice di consegne complete e puntuali = (totale degli ordini inviati in tempo / totale degli ordini inviati) x 100

Se dei 5.400 ordini che un'azienda ha evaso lo scorso anno, 4.674 sono stati consegnati in modo corretto e puntuale, la percentuale di spedizioni completate è:

(4.674 / 5.400) x 100 = 86% è l’indice di consegne complete e puntuali.

Software per misurare le performance del magazzino

Gli indicatori di performance del magazzino sono sempre più complessi da misurare e analizzare manualmente. La digitalizzazione della supply chain rappresenta però un'opportunità per il Responsabile della Logistica: programmi come i software di gestione magazzino consentono di coordinare e monitorare i cicli logistici, ricavando tutte le informazioni prodotte nel magazzino.

Spieghiamolo con un programma reale: Easy WMS di Mecalux automatizza processi quali la ricezione della merce, la preparazione degli ordini o i resi dei prodotti, mostrando agli operatori, mediante un terminale a radiofrequenza, quali attività devono svolgere in ogni momento. Il software indica la movimentazione e l’ubicazione dei prodotti in base a criteri di efficienza e alle regole prestabilite dal Responsabile del magazzino.

Un software di gestione magazzino include anche funzionalità avanzate in grado di adattarsi alle esigenze e alle particolarità di ogni cliente. In questo senso, il modulo Supply Chain Business Intelligence di Mecalux suddivide e struttura tutte le informazioni generate in un magazzino e le trasforma in indicatori di performance che facilitano il processo decisionale del Responsabile della Logistica.

 

Indicatori di performance: indispensabili per misurare le prestazioni

Gli indicatori di performance del magazzino sono uno strumento essenziale per misurare le prestazioni logistiche perché offrono un’immagine in tempo reale sull'efficienza dei cicli logistici e di come rilevare le opportunità di miglioramento.

La digitalizzazione ha fornito al Responsabile della Logistica strumenti in grado di monitorare le prestazioni del magazzino, misurare l'efficienza dei processi e prendere decisioni in base alle prestazioni di ogni ciclo operativo. Se sei interessato ad aumentare le prestazioni del tuo magazzino, non esitare a contattaci, un esperto ti consiglierà la soluzione che più si adatta alla tua azienda.