Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Operatore che realizza attività di batch picking

Batch picking: cos'è e come funziona

14 agosto 2019

Con l'espressione batch picking (o prelievo a lotti) si intende un metodo di prelievo che consiste nel selezionare contemporaneamente la quantità totale di uno SKU specifico per evadere gli ordini di diversi clienti.

Per capire meglio come funziona questa modalità di prelievo, possiamo paragonare il prelievo a lotti al fare la spesa. Immaginiamo di aver bisogno di tre confezioni di latte, e che un amico e un collega, sapendo che andiamo al supermercato, ci chiedano di comprare rispettivamente altre due e quattro confezioni per loro.

due e quattro confezioni per loro. In questo modo, una volta in negozio, ci recheremo una sola volta allo scaffale delle bibite per prelevare un totale di nove confezioni. In un secondo momento, invece, al momento di pagare, separeremo le bottiglie in diverse ceste della spesa.

Questo semplice esempio, descrive alla perfezione quanto avviene tra i corridoi di lavoro del magazzino: l'operatore si muove tra le scaffalature prelevando un determinato codice utile per evadere ordini di diversa provenienza.

Ora, esistono varie situazioni in cui il batch picking si rivela particolarmente efficace, soprattutto quando sfrutta dei sistemi e dispositivi progettati per articolare questa modalità di prelievo. Vediamoli nel dettaglio.

Soluzioni per il batch picking

Il batch picking può realizzarsi in tre modi differenti a seconda dei sistemi impiegati:

  • Batch picking tradizionale: è la modalità base in cui i prodotti prelevati vengono depositati direttamente in un commissionatore elettrico o in un roll container per essere trasferiti nell'area di smistamento e consolidamento. Il batch picking tradizionale non prevede una classificazione delle merci al momento del prelievo, pertanto è possibile prelevare più codici in un solo viaggio.
  • Pick-to-cart: in questo caso, oltre a prelevare le SKU, gli operatori separano e consolidano le merci, agevolando le operazioni di confezionamento e imballaggio che seguiranno. Ciò è possibile in quanto si utilizza un carrello mobile di raccolta dotato di cassetti di plastica. A ogni cassetto è associato un codice a barre correlato al prodotto da prelevare.
  • Pick-to-box: in questo caso gli operatori depositano gli oggetti che prelevano dagli scaffali direttamente nel pacco che verrà inviato. In questa maniera stanno realizzando tre attività di picking: prelievo, consolidamento e confezionamento. Questa modalità di batch picking richiede un certo livello di coordinamento e pianificazione, poiché è necessario calcolare in anticipo le dimensioni dei pacchi.
Il <em>batch picking</em> rende meglio quando i prodotti da prelevare hanno dimensioni simili
Il batch picking rende meglio quando i prodotti da prelevare hanno dimensioni simili

Quando conviene ricorrere al batch picking

L'obiettivo principale del prelievo a lotti è ridurre i tempi di percorrenza e le distanze (o travel distance), sfruttando un solo viaggio per allestire più ordini. Questa modalità di prelievo è particolarmente indicata laddove siano presenti le seguenti condizioni:

  • I prodotti sono maneggevoli, di dimensioni omogenee facilmente prelevabili dagli scaffali.
  • Gli ordini da gestire sono monoreferenza. In questo caso le attività di prelievo diventano più rapide.

Oltre a queste due condizioni ideali, va notato che, affinché il batch picking sia realmente efficace, è richiesta da un lato una notevole sequenziazione delle attività; dall'altro, layout del centro e l'allocazione delle merci devono essere studiate per agevolare il transito degli operatori.

In questo senso è indispensabile disporre di un software di gestione del magazzino per pianificare e controllare le fasi operative legate al batch picking. I WMS moderni sono in grado di gestire i seguenti aspetti:

  • Allocazione delle SKU: una mappatura efficiente delle scorte è fondamentale per ridurre il numero degli spostamenti degli addetti al picking.
  • Il numero di operatori: il programma calcola il numero di operatori necessario per portare a termine i task, evitando l'insorgere di problematiche lungo il percorso (momenti di eccessivo traffico, ad esempio).
  • La priorità degli ordini: il WMS determina con quale priorità gestire un ordine. Una volta assegnata la priorità, il programma calcola i tempi di percorrenza, di consolidamento e imballaggio.

Tuttavia, può accadere che le attività di prelievo aumentino durante picchi stagionali. In questi casi è meglio adottare modalità di picking massivo (o wave picking.

La scelta del metodo di preparazione dell'ordine è una decisione strategica che impatterà direttamente sul rendimento del magazzino e dell'azienda. Se hai dubbi, domande, o semplicemente vuoi saperne di più su come potenziare il picking, non esitare a contattarci.