Utilizziamo cookie propri e di terzi per offrirti una migliore esperienza e un servizio migliore. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookie Policy. Accettare

Raggruppamento unità di carico

All'interno di un magazzino possono transitare prodotti che presentano dei limiti fisici legati alla movimentazione, come ad esempio i colli sfusi. Per movimentare meglio questo tipo di referenze è opportuno raggruppare le unità di carico. In questo modo si risparmia in termini di movimentazioni e si ottimizza la gestione merci.

Il problema più comune quando si impilano le merci riguarda la differenza tra lotti di produzione e di distribuzione. La produzione avviene frequentemente in massa o in grandi lotti fatti per essere movimentati, però la loro distribuzione può essere soggetta a diverse esigenze di dimensionamento dei carichi.

Indubbiamente, la movimentazione di grandi carichi semplifica lo stoccaggio nella maggior parte dei casi, basti pensare alle spedizioni in "groupage". Tuttavia, è molto comune che i prodotti in entrata escano dal magazzino ridimensionati e più piccoli.

Un modo per aggruppare entrambi i criteri si basa sulla creazione di carichi ridotti per essere movimentati sia singolarmente sia una volta raggruppati, riducendo in questo modo i costi.

Per questi motivi, bisogna considerare gli elementi che compongono il sistema di movimentazione merci da una prospettiva comune e analizzare più a fondo la resistenza e la stabilità dei carichi.

Tipo di pallet

Tipo pallet.

 

Tipo contenitore

Tipo di contenitore.

Pallet e contenitori: aspetti generali

Uno degli elementi fondamentali riguarda il materiale degli accessori di sostegno che contengono le referenze stoccate in magazzino. I pallet sono gli accessori di sostegno composti da una piattaforma su cui si depositano le merci, mentre per contenitori si intendono gli imballi al cui interno si inserisce il carico. Entrambi rappresentano mezzi ausiliari utilizzati per poter spostare e immagazzinare i prodotti.

È indispensabile focalizzarsi su questi elementi, dal momento che la loro forma, dimensione, resistenza e i materiali con cui sono realizzati non sempre sono adeguati ai diversi sistemi di stoccaggio. In certi casi possono richiedere strumenti o accessori ulteriori per consentire lo stoccaggio sulle scaffalature. Inoltre, le caratteristiche degli accessori di sostegno influenzano anche i mezzi di sollevamento e movimentazione.

Determinare che tipo di supporti usare e come imballarli contribuisce a minimizzare l'uso della superficie visto che in magazzino i colli possono cambiare forma più volte prima dello smistamento finale.

È possibile tracciare tutte le fasi che attraversa un prodotto lungo il magazzino. Qui di seguito un esempio:

  • Step 1: il prodotto arriva consolidato.
  • Step 2: il prodotto può cambiare forma.
  • Step 3: il prodotto può essere destinato a un nuovo confezionamento. 
  • Step 4: invio all'area di consolidamento.
  • Step 5: Può cambiare ancora forma prima di raggiungere l'area di spedizione
  • Step 6: qui verrà eseguito il raggruppamento e smistamento finale.

Osservazioni finali

Quando si realizza la progettazione di un impianto è necessario conoscere in anticipo i supporti e gli imballaggi poiché da questi supporti dipenderà il tipo di raggruppamento e la superficie di cui si avrà bisogno. Sono fattori che influiscono sulla soluzione di stoccaggio da scegliere e vanno a incidere direttamente sulla produttività dell'azienda.

Si tratta di un passaggio essenziale per articolare le soluzioni logistiche coniugando le necessità del prodotto con le esigenze dei clienti. L'esperienza di un esperto può giovare nella pianificazione di questi aspetti.

Other topics in this category