Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Bancali in legno

Il bancale in legno è il più utilizzato e si realizza, principalmente, in cinque modelli. È bene conoscere le caratteristiche dei diversi tipi di pallet, in quanto potrebbero adattarsi meglio ai nostri prodotti. Seppur il bancale più diffuso sia l'europeo (1.200 x 800 mm), è consigliabile analizzare gli altri standard per assicurarsi che siano compatibili con i sistemi di scaffalature e con i mezzi di movimentazione presenti nel magazzino.

Bancale tipo 1: il più usato

È l'unico conforme per l'uso indistinto in ogni sistema di stoccaggio, a condizione che le slitte (i supporti inferiori su cui si dispone la piattaforma piatta su cui viene disposto il carico) poggino perpendicolarmente sui correnti delle scaffalature, ai binari o ai rulli.

Pallet di legno tipo 1

 

 

Dimensioni e caratteristiche

LUNGHEZZA (B) PROFONDITÀ (A)
1200 800
1000
1200

Dimensioni in mm.

  • La movimentazione del pallet 1 avviene senza difficoltà con qualsiasi tipo di carrello o mezzo di sollevamento.
  • Rappresenta la soluzione ideale per i magazzini automatici.
  • I pallet da 1.000 x 1.200 mm e 1.200 x 1.200 mm fabbricati seguendo i criteri e gli standard qualitativi europei sono denominati come  europallet (non tutti i pallet da 800 x 1.200 mm sono europallet).
  • Sono identificabili tramite un anagramma circolare contenente la sigla EUR.

Pallet tipo 2: popolari in altri paesi

Pallet tipo 2

 

Dimensioni e caratteristiche

LUNGHEZZA (B) PROFONDITÀ (A)
1200 800
1000
1200

Dimensioni in mm.

  • È diffuso solo in alcuni paesi per via delle dimensioni (1.000 x 1.200 mm).
  • Compatibile con sistemi di scaffalature portapallet, drive-in, push-back a rulli e con sistemi automatici come il  Pallet Shuttle.
  • Può causare problemi nelle scaffalature a gravità.
  • Incompatibile con trasloelevatori o carrelli elevatori bilaterali, se non inforcato dalla parte inferiore.
  • Non adatto per essere movimentato con i sollevatori.
  • Non idoneo con nastri trasportatori a rulli (meglio ricorrere a trasportatori industriali automatici a catena).

Bancali di tipo 3 e 4: altri tipi di immagazzinaggio

Pallet tipo 3

Pallet tipo 3


Pallet tipo 4

Pallet tipo 4

Dimensioni e caratteristiche

 
LUNGHEZZA (B) PROFONDITÀ (A)
1200
1000
1200

Dimensioni in mm.

  • I bancali di tipo 3 e 4 possono essere utilizzati in sistemi drive-in e portapallet, push-back a slitte e sistemi Pallet Shuttle.
  • Non sono compatibili con le scaffalature a gravità e con le push-back a rulli.
  • Se stoccati su scaffalature portapallet, è necessario tenere in considerazione i margini, dal momento si possono correre rischi per la sicurezza e l'integrità tanto dell'installazione, come del carico (come illustrato nelle due immagini qui di seguito).

Manipolazione

La superficie di appoggio del pallet sul corrente è molto ridotta, per cui c’è il rischio che possa cadere

La superficie di appoggio del pallet sul corrente è molto ridotta, per cui c’è il rischio che possa cadere. 

Il contatto tra la tavola inferiore e le forche del carrello elevatore può danneggiare il corrente

Il corrente rimane molto attaccato alla tavola inferiore e il carrello elevatore, al momento di prelevare il pallet, può urtare o danneggiare il corrente.

Bancale di tipo 5A e 5B: "mezzo pallet"

Pallet tipo 5

 

Metà pallet Tipo A

Pallet tipo 5A

Dimensioni e caratteristiche

LUNGHEZZA (B) PROFONDITÀ (A)
800
600

Dimensioni in mm.

 

Pallet tipo 5BMetà pallet Tipo B

Pallet tipo 5B

Dimensioni e caratteristiche

LUNGHEZZA (B) PROFONDITÀ (A)
800
600

Dimensioni in mm.

  • Tali piattaforme vengono anche denominate "mezzo pallet" (o pallet Düsseldorf).
  • Sono comuni nel settore della distribuzione di prodotti di largo consumo.
  • Le loro dimensioni li rendono ideali per la movimentazione delle merci nei punti vendita (come nel caso dei supermercati).
  • Per lo stoccaggio su scaffalature portapallet, è necessario posizionare delle rompitratta o un ripiano sui correnti.

Movimentazione del pallet in legno

 

Il pallet deve essere inforcato dal lato opportuno (come indicato nell'immagine superiore):

  • Lato A: stoccaggio su scaffalatura portapallet, a gravità e push-back a rulli.
  • Lato B: stoccaggio su scaffalature drive-in, push-back a slitte e Pallet Shuttle. Nelle scaffalature portapallet sono necessarie delle rompitratta per pallet.

Compatibilità con le scaffalature

  • Solo il pallet 5A può essere stoccato sulle scaffalature a gravità, sebbene con alcune limitazioni.
  • Per le altre scaffalature, è necessario che vengano posizionati su epal standard da 1.200 x 800 mm (in tal caso, i pallet inferiori sono denominati pallet secondari).
  • Possono essere movimentati senza particolari impedimenti con qualsiasi carrello elevatore: l'importante è verificare prima le dimensioni delle forche.
  • Se utilizzati con dei pallet secondari (gli epal che fungono da base), i trasportatori industriali automatici devono essere adatti a caricare questi bancali, oppure devono essere dotati di un numero di rulli superiore rispetto a quello dei trasportatori automatici tradizionali. In alternativa i nastri possono essere a catena (sono raccomandati con 4 catene).

Altri tipi di pallet in legno

I cinque tipi di pallet in legno descritti in precedenza sono i più utilizzati, ma non sono gli unici presenti sul mercato.

Diverse norme hanno cercato di definire a livello internazionale degli standard di costruzione relativi a dimensioni, forme, tipi di legno, chiodi ecc. L'europallet è il risultato di tale omologazione. Oltre ai pallet fabbricati con criteri standard, sono disponibili una serie di pallet fabbricati con criteri differenti, e che possono avere dimensioni esterne analoghe a quelle dell'epal, ma il cui grado di resistenza potrebbe non essere né quello atteso né quello sufficiente.

Nelle immagini qui di seguito vengono mostrati dei pallet fabbricati con standard differenti. Queste attrezzature possono presentare dei problemi di compatibilità con i sistemi di stoccaggio più diffusi nei magazzini:

Pallet legno truciolare

Legno truciolare

Pallet a Due lati di inforcamento, doppia superficie, reversibile

Due lati di inforcamento, doppia superficie, reversibile

Bancale a Quattro vie, doppia superficie, reversibile

 

Quattro vie, doppia superficie, reversibile.

Pallet Quattro lati di inforcamento, doppia superficie, reversibile

Quattro lati di inforcamento, doppia superficie, reversibile.

Bancale Quattro lati di inforcamento, doppia superficie, non reversibile, monouso

Quattro lati di inforcamento, doppia superficie, non reversibile (monouso)

Pallet a Due lati di inforcamento, doppia superficie, non reversibile

Due lati di inforcamento, doppia superficie, non reversibile.

Bancale a Due lati di inforcamento, superficie unica, non reversibile

Due lati di inforcamento, superficie unica, non reversibile.

Bancale a Quattro lati di inforcamento, doppia superficie, reversibile

Quattro lati di inforcamento, doppia superficie, reversibile.

Sul mercato sono presenti degli accessori di sostegno che differiscono rispetto a quelli di tipo 1, 2 e 3 (in termini di dimensioni o costruzione). Questi ultimi presentano tuttavia delle difficoltà di stoccaggio e prelievo dalle scaffalature, per cui sono necessari degli accessori supplementari da installare sulle scaffalature.

È richiesta una particolare attenzione per le piattaforme denominate pallet monouso o non riutilizzabili perché, nonostante abbiano dimensioni standardizzate, il loro spessore e la qualità del legno non sono adeguati allo stoccaggio diretto sulla scaffalatura.

Altri argomenti in questa categoria