Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Coperture e rivestimenti industriali del magazzino autoportante

I magazzini autoportanti sono strutture dotate di una pavimentazione sulla quale si innalzano le strutture di stoccaggio. Le coperture e i rivestimenti verranno costruiti intorno alle scaffalature su cui circolano le attrezzature meccaniche che possono essere a movimento fisso o libero.

Gli impianti autoportanti sono protetti (congiuntamente al carico) da due componenti che costituiscono l’edificio come tale: la copertura superiore e laterale.

Vediamo come realizzarle:

  • Per le coperture superiori si ricorre spesso all’utilizzo di rivestimenti metallici (in acciaio) bullonati o saldati a un’arcareccio che, a sua volta, viene fissato alla sovrastruttura delle scaffalature. Quest’arcareccio può essere costituito da un tetto a falda unica o doppia e da un tetto piano a seconda delle condizioni climatiche del luogo.
  • Per quanto riguarda le coperture laterali, in genere viene realizzata con pannelli che possono reggersi in tre modi diversi: direttamente alla struttura delle scaffalature, attraverso un’arcareccio intermedio abbinato a tale struttura oppure, come terza possibilità, fissati a un’arcareccio indipendente.

È inoltre possibile ricorrere a una copertura con la base di muro in calcestruzzo fino a una determinata altezza. Spesso si opta per quest’ultima soluzione negli impianti con costruzioni annesse che vengono utilizzate per i servizi ausiliari del magazzino.

La scelta di un sistema piuttosto che un altro si deve basare su vari fattori come l’altezza dell’edificio, la forza del vento nel luogo dell’installazione, i fattori termici e climatici tipici di ogni luogo, così come quelli relativi al materiale che si dovrà utilizzare per il rivestimento.

Vi sono altri aspetti importanti da tenere in considerazione per la struttura e i rivestimenti dei magazzini autoportanti, ma sono più concetti tipici della disciplina dell’architettura che della progettazione industriale, e non rientrano nell’ambito delle competenze di questo manuale.

Sistemi costruttivi combinati

In genere per questi sistemi autoportanti viene costruito unicamente lo stabilimento destinato allo stoccaggio, ovvero il silo. Le zone annesse, come la reception, l’area di spedizione, di preparazione degli ordini ecc., solitamente si trovano all’interno di edifici tradizionali con un’altezza non particolarmente elevata, adiacenti al magazzino autoportante. Questa soluzione permette di ridurre i costi, dato che lo spazio occupato dalla struttura tradizionale è quello strettamente necessario.

Other topics in this category