Utilizziamo cookie propri e di terzi per offrirti una migliore esperienza e un servizio migliore. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookie Policy. Accettare

Come progettare gli accessi del magazzino

Progettare gli accessi di un magazzino in maniera oculata permette di sveltire le operazioni di ricevimento e spedizione delle merci. La progettazione oculata delle aree esterne del magazzino e delle vie d’accesso contribuisce a ridurre le probabilità di incidenti e di interferenze tra i camion e il personale a piedi che circolano in tali aree.

Accesso a forma di "Y"

Le vie d’accesso a forma di “Y sono versatili e permettono ai veicoli che entrano nel magazzino di lasciare rapidamente la strada senza intralciare il traffico. Allo stesso modo, i mezzi di trasporti che escono dal magazzino possono immettersi in strada più facilmente.

La via di accesso all’impianto deve essere preferibilmente a carreggiata doppia e la sua lunghezza non deve essere inferiore al doppio di quella del camion più lungo.

Accessi del magazzino

Costruzione della superficie di rotolamento

Gli accessi devono essere costruiti per sopportare carichi importanti, per un totale compreso tra le 20 e 70 tonnellate,  quelli che si producono con i camion di grandi dimensioni.

Nelle aree in cui si possono produrre grandi gelate, si consiglia di utilizzare uno strato di fondazione perfettamente compatto, ricoperto da uno strato di ghiaia agglomerata di 25 cm di spessore e rifinito con un altro strato di calcestruzzo rinforzato di 25 cm.

Questa base di contatto garantisce una durata minima di 20 anni se accompagnata da una corretta manuntenzione. In condizioni climatiche meno severe, è sufficiente una base compattata, coperta con uno strato di ghiaia agglomerata di 25 cm di spessore rifinito con un altro strato di asfalto di 15 cm di spessore.

Organizzazione del traffico

Una volta progettati gli accessi e dopo averli costruiti, è indispensabile trarne vantaggio nel modo più efficiente possibile organizzando in maniera efficiente il traffico in entrata e in uscita dagli impianti.

Per farlo è possibile stabilire un senso di circolazione antiorario, che permetterà una migliore visibilità, una maggiore sicurezza e la massima efficacia.

Regolando il traffico in questo modo, i conducenti possono manovrare e retrocedere verso le baie di carico con una visione diretta sia delle banchine che del semirimorchio, dato che, durante la retromarcia, il conducente deve mantenere lo sguardo fisso unicamente sul retrovisore situato nel lato più vicino a lui, ovvero la parte sinistra della cabina.

Porte di accesso

Grazie alle porte è possibile controllare il transito dei veicoli e delle persone negli impianti esterni di un magazzino. Per la sicurezza di persone e cose, si consiglia di utilizzare porte separate per pedoni e veicoli. Per i casi in cui si utilizzano vie di accesso a senso unico di 4 m di larghezza, la porta dovrà presentare una larghezza di 5 m. Quando la via di accesso è a doppio senso e presenta una larghezza di 8 m, la porta dovrà essere 9 m.

Considerazioni finali

Rendere più agile il movimento dei mezzi nelle aree esterne dei magazzini è un fattore senza dubbio importante e una questione che non va sottovalutata. Mettere i trasportatori nelle condizioni di manovrare in sicurezza permette non solo un movimento più rapido delle merci, ma anche una migliore sicurezza all'interno del perimetro dell'impianto.

È necessario studiare nei minimi dettagli questo aspetto e affidarsi nel caso all'opinione di esperti. Se desideri saperne di più in materia di organizzazione degli accessi e del traffico nelle aree del magazzino puoi contattarci.

Other topics in this category