Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Come progettare un magazzino efficiente: la checklist definitiva

Raccogliere informazioni e fare una checklist contribuisce, nella fase di progettazione del magazzino, ad individuare le soluzioni e le strategie di stoccaggio più efficienti.  Per ottenere un magazzino performante, è necessario investigare le esigenze del cliente, oltre a conoscere lo spazio e le attrezzature disponibili. Il tipo di raccolta dei dati dipende dalla complessità del progetto e dagli obiettivi stabiliti.

Inoltre, è fondamentale conoscere le possibilità offerte dal mercato e dai sistemi di stoccaggio di ultima generazione, in quanto permette di anticipare scenari logistici futuri e di mantenere una certa competitività.

Essendo il magazzino un elemento chiave nella supply chain, si devono sempre considerare alcuni punti a monte.

I primi due per importanza sono il tipo di produzione e i fornitori; poi troviamo gli elementi fisici (gli strumenti per svolgere le fasi operative di movimentazione, trasporto, imballaggio ecc.); gli elementi gestionali (criteri di gestione, software WMS, flusso delle informazioni ecc.); le operazioni interne (stoccaggio, picking, ecc.); e le problematiche a valle (distribuzione agli end user);

Per poter controllare ogni fattore, è necessario eseguire più tipi di studi come lo studio di fattibilità, lo studio logistico, il calcolo del ROI, il progetto organizzativo e gestionale, il progetto IT (relativo ai sistemi, software e hardware aziendali).

Questi studi servono a rispondere a una serie di interrogativi cruciali nella progettazione dell'impianto, consentendo alle aziende di raccogliere informazioni da un lato, e di stabilire - attraverso questa checklist - come progettare un magazzino in maniera efficiente dall'altro. 

Quesiti e risposte per un magazzino efficiente

Vediamo quali sono allora le domande da porsi per ottenere dati utili e cosa vanno a determinare nella pratica a livello magazzino.

Prodotto: come verrà immagazzinato?

Dati necessari:
Quale o quali unità di carico sono presenti in azienda?
Quali sono le dimensioni e il peso delle unità di carico?
Che quantitativi di prodotto si intende stoccare?
Quante referenze verranno stoccate?
Qual è la resistenza del prodotto alla compressione e alla deformazione?
Il prodotto è sensibile al clima?
La merce è sensibile al fuoco? Quali sono le condizioni di sicurezza previste?
Quali sono le esigenze di rotazione?
È necessaria una tracciabilità delle merci?
Esiste un’anagrafica dei prodotti?
È prevista una crescita futura?
Questi dati determinano:
Il sistema di stoccaggio che verrà usato e le dimensioni necessarie per i vani e le scaffalature.
Le dimensioni dell'impianto, il sistema di stoccaggio e la distribuzione.
Come dovrà avvenire la movimentazione e quale sarà la solidità delle attrezzature di stoccaggio utilizzate.
Come verranno svolte le fasi operative.
Quali aree operative verranno implementate.
Come avverrà la distribuzione dei prodotti nell'impianto.
Come dovranno essere i flussi interni.
La possibilità di accatastare il prodotto.
Qual è la stabilità del carico durante la movimentazione.
Se c’è il rischio che l’unità di carico possa cadere (e se sia dunque necessario occupare più spazio).
Se è necessario un impianto a temperatura controllata.
Come dovrà essere il sistema antincendio.

Spazio: quali sono le infrastrutture disponibili?

Dati necessari:

per rispondere a queste domande non è sufficiente avere a disposizione il disegno fornito dal cliente, ma è necessario vedere i locali per confermare tutti i dati e verificare le misure.

Quali sono la forma e le dimensioni del locale?
Presenta caratteristiche o limiti particolari per quanto riguarda accessi, pavimentazione, finestre, ecc.?
Esistono spazi adiacenti al locale che incidono su quest’ultimo?
Qual è la stabilità della pavimentazione?
Qual’è il regolamento edilizio locale?
È necessario effettuare calcoli sismici?
Questi dati determinano...
La capacità che potrà raggiungere l'impianto e come deve avvenire la distribuzione delle merci al suo interno.
L'accessibilità disponibile nel magazzino.
La distribuzione degli spazi e l’ubicazione delle uscite d'emergenza.
L'esigenza di scaffalature con un’adeguata capacità di carico.

 

Attrezzature: quali sono i mezzi disponibili?

Quali dati servono:
Ci sono scaffalature già esistenti? Se sì, che misure, quantità e capacità di carico hanno?
Sono disponibili mezzi di movimentazione e sollevamento? In caso affermativo, indicarne le caratteristiche) 
Sono già disponibili elementi ausiliari quali casse, pallet ecc.? Che misure e che caratteristiche hanno?
Esiste una predisposizione all'acquisto di nuovi dispositivi di stoccaggio?
Questi dati determinano...
L'esigenza di prevedere nuove attrezzature.
Quali sono i limiti in termini di capacità.
Come verranno soddisfatte le esigenze del cliente.

Possibilità di aumento della capacità.

Flussi e rotazione: Rotazione e movimentazione delle merci

Dati necessari:
Come entrerà e verrà movimentato il prodotto nell'impianto?
Quale sarà la quantità di ordini e da quanti prodotti è composto ciascun ordine?
In che momento verrà preparato l'ordine?
Come uscirà il prodotto? Classificazione e quantità.
Quali sono le esigenze di rotazione (alta, media, bassa), quarantena ecc. della merce?
I prodotti vengono classificati in:
 
A: Alta rotazione
B: Media rotazione
C: Bassa rotazione

 

Quali sono le esigenze attuali? Esistono prospettive di crescita?
Questi dati determinano...
Le dimensioni e la distribuzione che dovrà avere il magazzino.
Se sia necessario dedicare degli spazi complementari e come dovranno essere.
L'ubicazione sulle scaffalature.
La modalità di elaborazione degli ordini.
Se siano necessari mezzi ausiliari e quali dovrebbero essere.
Quale sarà il sistema gestionale o WMS utilizzato.
Quali saranno i mezzi di sollevamento e di che tipo.
Quale velocità operativa e di preparazione avrà l'impianto.

Personale: chi sono i professionisti a disposizione?

Quali dati servono...
Numero delle persone che lavorano nel magazzino.
Che qualifiche ha il personale dedicato all'impianto?
Si lavora su turni? In caso affermativo, come sono organizzati?
Qual è la predisposizione a ridurre o aumentare il numero delle persone e la loro qualifica?
Questi dati determinano:
Quale sarà la capacità operativa dell'impianto.
Se sia necessario o possibile un miglioramento in termini di produttività.
Se siano necessari altri sistemi di stoccaggio e attrezzature diverse rispetto a quelle esistenti.
Le misure necessarie per quanto riguarda i mezzi di sollevamento..

Gestione e politica aziendale: come si svolgono le operazioni?

Quali dati servono...
Come si esegue il controllo del magazzino?
Esiste già un software di gestione del magazzino (SGM)?
Quali sono i mezzi disponibili?
È necessario snellire gli ordini?
È opportuno ridurre lo stock?
Che importanza ha il prestigio per l'azienda e su cosa si basa?
Esiste un potenziale di investimento?
Quale sistema di stoccaggio si utilizza?
Questi dati determinano...
Se sarà necessario migliorare il sistema gestionale.
Quale sarà il sistema di stoccaggio e di preparazione degli ordini più adeguato.
Quale sarà lo spazio necessario.
Che quantitativi di prodotto si potranno gestire.
Se saranno necessari una riduzione o un aumento del personale
Quale sarà il livello di efficienza dell'impianto.
Come verranno utilizzati i sistemi e i mezzi disponibili.
E infine il successo o il fallimento della soluzione sviluppata.

Considerazioni finali

Il tipo di prodotto, lo spazio dove verrà immagazzinato e i sistemi di movimentazione sono elementi che influiscono sul disegno del magazzino rendendolo agile e dinamico. Ogni fattore andrebbe ovviamente inserito nel contesto unico che caratterizza ogni azienda e deposito.

Per questa ragione, oggi è sempre più necessario avvalersi della consulenza di esperti della logistica. Non basta solo sfruttare la superficie del magazzino, ma è necessario renderne redditizio ogni centimetro ottimizzando i processi.

Altri argomenti in questa categoria