Utilizziamo cookies propri e di terze parti per offrirle i nostri contenuti in base ai suoi interessi. Continuando a naviagare su questo sito Web, l'utente è consapevole di essere stato informato e di accettare l'installazione e l'utilizzo dei cookies. Per saperne di più, visita la nostra Cookie Policy. Accettare

Quando scegliere scaffalature a doppia profondità?

Una scaffalatura portapallet può essere configurata a doppia profondità. In questo modo, dallo stesso lato del corridoio, è possibile accedere a due pallet, sistemati uno dietro l’altro, sfruttando la profondità della struttura. Vediamo quali sono i mezzi di sollevamento compatibili con questo sistema e quale grado di accessibilità ai pallet è in grado di offrire.

Sistemi a doppia profondità e mezzi di sollevamento

Disporre di scaffalature a doppia profondità offre un vantaggio in termini di spazio, dal momento che si può ridurre il numero di corridoi. Al contempo però, questi sistemi presentano dei limiti. Per prima cosa bisogna considerare che sarà possibile accedere direttamente solo al primo pallet. Il secondo pallet è accessibile solo una volta estratto il bancale che lo precede. 

Per realizzare il prelievo dei pallet in maniera efficiente, si ricorre a carrelli retrattili dotati di forche telescopiche o pantografi con i quali è possibile accedere alla seconda profondità e movimentare l’unità di carico.

Per saperne di più su questi mezzi di sollevamento, è possibile consultare l'articolo dedicato interamente al carrello retrattile.

Nei magazzini automatici, invece, sono i trasloelevatori con forche telescopiche a occuparsi delle operazioni di inserimento e prelievo.

Nelle immagini qui di seguito si mostrano due possibili configurazioni delle scaffalature: con scaffalature tradizionali o multiposto. 

  • Scaffalature tradizionali: un magazzino configurato in questo modo presenta un maggior numero di corridoi. In questo approccio aumentano i tempi di percorrenza maggiori, ma diminuiscono i tempi di inserimento ed estrazione dei pallet. 
Esempio di distribuzione abituale delle scaffalature

Distribuzione abituale delle scaffalature.

 

  • Scaffalature a doppia profondità: è il caso contrario al precedente. i tempi di percorrenza sono minori, ma aumentano i tempi di inserimento ed estrazione delle unità di carico.

Esempio di distribuzione a doppia profondità delle scaffalature

Distribuzione a doppia profondità.

Prelievo e accessibilità dei pallet in un sistema a doppia profondità

L'efficienza delle scaffalature a doppia profondità dipende dalla quantità di pallet per referenza. Questa soluzione assicura un certo rendimento quando il pallet che viene stoccato in profondità contiene le stesso tipo di merci del pallet anteriore e nel magazzino il turnover delle scorte non avviene rapidamente.

Nel caso di impianti automatizzati, il problema dell’accessibilità ai pallet legato ai sistemi a doppia profondità si risolve mediante l'utilizzo del software di gestione magazzino. Il programma, tenendo conto del criterio di ubicazione, dell'indice di rotazione dell’articolo (A, B o C) e della quantità di scorte, è in grado di definire la mappatura ideale (scegliendo gli slot garantendo alti livelli di efficienza).

In questo modo, pur trattandosi di scaffalature a doppia profondità, il software è in grado di determinare la disposizione delle merci in modo talmente ottimale, che si avrà la sensazione di lavorare con un sistema a singola profondità, senza però perdere il notevole vantaggio dell’aumento di capacità legato ai sistemi a doppia profondità.

Magazzino automatico attrezzato con scaffalature a singola profondità

Magazzino automatico attrezzato con scaffalature a singola profondità. Fonte: Mecalux.

Magazzino automatico attrezzato con scaffalature a doppia profondità

Magazzino automatico attrezzato con scaffalature a doppia profondità. Fonte: Mecalux.

Altri argomenti in questa categoria