Utilizziamo cookie propri e di terzi per offrirti una migliore esperienza e un servizio migliore. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookie Policy. Accettare

Elevato rendimento e movimentazione automatizzata della merce con trasportatori per pallet

13/10/2017

Gli spostamenti dei pallet sono operazioni ripetitive che rappresentano la maggior parte dei costi e del tempo del personale che lavora in un magazzino. L'installazione di un circuito di trasportatori automatici è una buona soluzione per ridurre tali costi, perché elimina la necessità che gli operatori utilizzino mezzi di sollevamento tradizionali. Pertanto, è un'ottima opzione per le aziende di tutti i settori che desiderano velocizzare il ciclo operativo logistico.

I trasportatori per pallet sono elementi che trasferiscono, accumulano e/o distribuiscono la merce verso le posizioni specifiche necessarie per il ciclo operativo logistico di un magazzino, di una fabbrica o di entrambi. Sono formati da un insieme di catene o rulli azionati da un motore che sposta i carichi in modo controllato e continuo.

Sebbene i trasportatori vengano di solito associati a installazioni con un elevato livello di automazione, in realtà sono sempre più comuni nei magazzini tradizionali. Il motivo è che aumentano la produttività del magazzino ottimizzando la movimentazione della merce, riducendo i tempi di carico, scarico e trasporto, e garantendo un flusso costante dei prodotti.

 

Vantaggi dei trasportatori

Le movimentazioni dei pallet (soprattutto nei magazzini di una certa dimensione e con grandi distanze da percorrere) richiedono molto tempo agli operatori e, al tempo stesso, impongono un'attività ininterrotta dei mezzi di sollevamento, con il conseguente rischio di incidenti. Per risolvere questa situazione, i trasportatori automatici sostituiscono i mezzi di sollevamento tradizionali e gli operatori, che possono essere assegnati ad altre funzioni. Di conseguenza, la movimentazione manuale dei carichi diminuisce, mentre si incrementa la sicurezza dell'installazione.

Al fine di ridurre al minimo il rischio di incidenti, i trasportatori comprendono elementi meccanici (ad esempio incanalatori o arresti che guidano le unità di carico) o elettronici (fotocellule o variatori di frequenza i quali assicurano che alle unità di carico non siano sottoposte a movimenti bruschi).

Allo stesso tempo, i trasportatori sono compatibili con i mezzi di sollevamento tradizionali (come i carrelli elevatori e i transpallet) e possono spostare pallet di dimensioni non standard o con caratteristiche inadeguate. A tal fine, è necessario utilizzare pallet schiavi oppure soluzioni specifiche.

 

Sistema di trasporto efficiente

Uno dei maggiori vantaggi dei trasportatori è la versatilità: permettono infatti di costruire un’infinità di circuiti, dal semplice tratto rettilineo di pochi metri fino ai circuiti più complessi che uniscono varie aree, piani o edifici e comprendono persino vari cicli operativi.

Per questo motivo, si può aggiungere un elevato numero di elementi e componenti per adattare i circuiti alle caratteristiche e ai requisiti del magazzino, oltre che per superare tratti caratterizzati da dislivelli. Offrono molte possibilite applicazioni:

  • Svolgere la funzione di buffer per prodotti che non devono essere stoccati (cross-docking).
  • Formare circuiti di imballaggio.
  • Creare canali di consolidamento degli ordini.
  • Eseguire premontaggi ecc.

È possibile progettare circuiti personalizzati che apportino velocità e redditività a ogni tipo di magazzino e fabbrica. Si adattano infatti alle più imponenti esigenze di trasporto di pallet, come nelle seguenti situazioni:
 

Collegare magazzino e produzione

Tra i cicli operativi più ripetitivi di un magazzino è compreso lo spostamento dei pallet fino alle aree di stoccaggio e da queste alle baie o ad altri centri di produzione.

Da un lato, i trasportatori possono collegare varie aree del centro di produzione. Indirizzano la merce verso le postazioni dove si preparano i prodotti o dove questi ultimi sono soggetti a una serie di procedure per garantirne la qualità.

Dall'altro, si utilizzano per collegare il centro di produzione con il magazzino. Possono collegarsi direttamente con l'uscita delle linee di produzione e con l'area di verifica e controllo della qualità. Essendo un sistema che richiede un intervento minimo da parte dell'operatore, si elimina qualsiasi errore derivato dalla gestione manuale.

 

I trasportatori sono un sistema di trasporto che fornisce la massima efficienza nei processi di entrata, spedizione e movimentazione delle unità di carico

 

Collegare vari magazzini

I trasportatori collegano vari magazzini separati tra loro. Questi circuiti sono in grado di ampliare le loro funzionalità con l'integrazione di navette o elevatori.

Le navette fungono da trasportatore principale di un circuito con varie origini e una destinazione unica, unendo tra loro i vari punti. Rappresentano una scelta ideale quando il flusso delle movimentazioni non è elevato ed è necessario coprire grandi distanze a costo minimo.

Nei magazzini disposti su più piani, in genere vengono installati dispositivi di elevazione per alzare o abbassare i pallet tra i trasportatori situati su diversi livelli di altezza. La movimentazione di elevazione si effettua mediante un sistema a trazione che utilizza un contrappeso.

Esistono anche elevatori a bassa quota che superano i piccoli dislivelli del pavimento e modificano l'altezza di trasporto.

 

Collegare vari edifici separati tra loro

Sia i magazzini sia gli stabilimenti di produzione si possono trovare in edifici tra loro separati.

I trasportatori consentono di coprire lunghe distanze per trasferire agilmente la merce tra due punti.

È possibile costruire tunnel sotterranei o ponti sopraelevati su cui far scorrere i trasportatori automatici. In questo modo, si evitano interferenze con la circolazione abituale e i prodotti restano protetti dalle intemperie.

In caso di grandi distanze, è frequente installare un circuito di elettrovie. Si tratta di un circuito chiuso con navette automatiche o ad autopropulsione che si spostano sopra binari elettrificati.

 

Collegare varie aree all'interno di un magazzino

In alcuni casi, è necessario collegare due o più aree all'interno di uno stesso magazzino settorizzato. In genere, la settorizzazione viene effettuata per varie ragioni: rispettare le norme di sicurezza, classificare i prodotti in base alle caratteristiche, organizzare il ciclo operativo o evitare i cambiamenti di temperatura (come nelle celle di congelamento).

Il circuito di trasportatori automatici è il filo comune dell'installazione che unisce automaticamente tutte le zone. Con questo sistema si eliminano le movimentazioni ripetitive e si evitano interferenze con gli altri cicli operativi svolti nel magazzino.

Una delle aree più critiche del magazzino è quella del picking. Il circuito di trasportatori è una buona soluzione per rifornire l'area con una certa rapidità. Per velocizzare il ciclo operativo, è possibile inserire uno stoccatore e un dispenser di pallet vuoti.

 

Automatizzare l'ingresso e l'uscita dei pallet in un magazzino tradizionale

L'ingresso e l'uscita del magazzino possono essere formati da trasportatori che trasferiscono i pallet dall’area di ricevimento fino a un altro punto del magazzino, come le corsie di stoccaggio, e da qui fino alle spedizioni.

Le caratteristiche e le esigenze di ogni magazzino determineranno il tipo di trasportatori e di elementi da utilizzare abitualmente (trasportatore a catene, a rulli, stoccatore, dispenser di pallet vuoti ecc.).

Nei magazzini in cui si opera con i transpallet, è possibile installare un banco idraulico all'inizio del circuito, che solleva il carico all'altezza del trasportatore. Una volta che il pallet è arrivato a destinazione, un altro banco idraulico scende fino al livello del pavimento affinché gli operatori lo possano rimuovere dal circuito.

Peraltro, nei magazzini in cui si utilizzano carrelli elevatori a grandi altezze (bilaterali o trilaterali), i trasportatori possono collegare le baie di entrata e uscita con le estremità delle corsie. Questi carrelli elevatori operano soltanto all'interno delle corsie di stoccaggio e si occupano di inserire e ritirare i pallet dalle rispettive ubicazioni nelle scaffalature.

I trasportatori forniscono e ritirano i prodotti con rapidità, incrementando il rendimento dell'installazione in generale.

 

Formare tunnel di accumulo

I trasportatori sono perfetti come sistema di accumulo ordinato. Vale a dire che i pallet restano in attesa creando un buffer (magazzino a permanenza breve) o per regolare i flussi.

È possibile realizzare l'accumulo in due modi diversi:

  • Trasportatori a rulli ad accumulo meccanico. I trasportatori si muovono continuamente. Sono dotati di azionamento meccanico che li ferma quando vi si appoggia sopra un pallet. Quando un pallet avanza, disattivando l’azionamento, riprende il moto dei rulli; in questo modo quello che si trova dietro può occupare la sua posizione.
  • Trasportatore ad accumulo sequenziale. Sono trasportatori rettilinei (a rulli o a catene) in grado di creare un buffer che regoli gli ingressi o le uscite dei pallet. In questo caso, l'accumulo è sequenziale e si basa su criteri configurati e sull'utilizzo di fotocellule che rilevano la posizione esatta dei pallet.

Di solito, l'accumulo si utilizza nei precarichi. Il sistema si occupa di raggruppare i pallet di uno stesso ordine o rotta di spedizione per velocizzare le operazioni di carico nei camion di distribuzione.

Si utilizza spesso anche per classificare e scomporre i pallet nei cicli operativi di cross-docking. Quando la merce arriva al magazzino, viene distribuita sugli ordini da spedire senza essere stoccata. I trasportatori sono un buon sistema su cui depositare temporaneamente i pallet, evitando di doverli sistemare a terra e riducendo al minimo la movimentazione dei carrelli elevatori.

 

Integrare processi automatici

Un circuito di trasporto può comprendere fasciatrice, reggiatrice, bilance, porte ad apertura automatica ecc., dotati del proprio modulo di controllo. L'interconnessione di queste macchine con i trasportatori è molto semplice.

Di solito, viene installata una postazione di controllo in cui si verifica lo stato dei pallet, e che il peso e le misure corrispondano ai requisiti di qualità richiesti.

Qualora un pallet non superi il controllo, l'unità di carico viene respinta e il difetto viene mostrato su un pannello operativo affinché venga ricondizionato.

 

Catene o rulli

Un circuito può trasportare i pallet mediante rulli, catene o combinando i due elementi meccanici. La scelta dipenderà dal tipo di pallet da trasferire, dalle sue dimensioni, dal percorso del circuito e dalla posizione in cui si movimentano i pallet sia al punto di partenza che a quello di arrivo.

I trasportatori si adattano a qualunque misura di pallet. Nel caso di europallet (800 x 1.200 mm), la posizione di spostamento è diversa se si utilizzano rulli o catene.

Con i rulli, i pallet si spostano allineati in senso longitudinale rispetto alle slitte. Con le catene, invece, i pallet sono orientati trasversalmente rispetto alle slitte.

In un tratto rettilineo, i moduli dei trasportatori dovranno essere tutti uguali (catene o rulli). Tuttavia, nei tratti a "L" sono possibili due opzioni:

  1. Combinare catene e rulli per cambiare il verso di spostamento dei pallet posizionando nell'angolo un trasportatore misto a catene e rulli.
  2. Utilizzare un trasportatore girevole in un angolo affinché il pallet circoli nello stesso verso per tutto il percorso.

In base all'intervallo di temperature in cui si lavora e alle condizioni che bisogna sopportare, si sceglierà tra tre modelli di trasportatori: per temperature positive, per temperature negative e per zone umide o ambienti aggressivi.

Questi ultimi sono costruiti in acciaio inossidabile e sono molto resistenti alla corrosione. Sono particolarmente indicati nelle aree di produzione alimentare, ambienti aggressivi o in cui è richiesta la pulizia con acqua o prodotti disinfettanti.

 

I moduli dei trasportatori possono essere a rulli o a catene a seconda del verso di spostamento dei pallet

 

 

Plug and play

Il modello plug and play (collega e usa) si basa su una connessione molto semplice: si collegano due trasportatori, trasmettendo il segnale e la potenza per attivare il movimento. È necessario soltanto un quadro di potenza collegato al primo trasportatore del circuito.

Questo modello rappresenta un progresso significativo dato che il circuito è modificabile in qualunque momento attraverso l'integrazione di nuovi trasportatori.

Spicca per la facilità di montaggio (senza bisogno di personale specializzato), oltre che per la rapidità nella consegna e nell'avviamento. Inoltre, è stato realizzato per comunicare con elementi esterni al circuito come fasciatrici, scanner, elevatori, postazione di controllo, porte di accesso ecc.

Al fine di garantirne il corretto funzionamento, il circuito deve rispettare solo le seguenti condizioni:

  • Avere un unico punto di partenza e di arrivo.
  • Avere un unico punto di partenza e un unico punto di arrivo, che sia a sua volta reversibile.
  • Avere più punti di partenza e un solo punto di arrivo.

È un sistema reversibile, poiché con un semplice commutatore, si può invertire lo spostamento di tutto il circuito e far sì che i pallet si spostino in entrambe le direzioni.

 

Il modello "plug and play" consente all'utente di costruire il proprio circuito: i moduli si agganciano alla rete e si collegano tra loro

 

Massima sicurezza

Il circuito di trasportatori deve essere dotato di sistemi di protezione come recinzioni di sicurezza, protezione per i trasportatori, ripiani in rete, passaggi pedonali e porte con controllo degli accessi.

Analogamente, è imprescindibile proteggere elevatori, navette e altri elementi a movimentazione automatica per evitare che le persone entrino nel loro raggio di azione. Gli elevatori dispongono di recinzioni, barriere ottiche e porte di accesso per la movimentazione, nonché di porte automatiche veloci per il passaggio dei pallet.

 

Sistema di controllo

I trasportatori richiedono un sistema di controllo che ne gestisca il funzionamento. Partendo da sequenze preconfigurate che prevedono il percorso, la quantità di trasportatori, il tipo di moduli, le fotocellule e tutti gli altri elementi che formano il tragitto, i pallet avanzano in una direzione, si fermano, girano ecc.

È indispensabile posizionare fotocellule sui trasportatori che rilevino l'esatta ubicazione dei pallet, affinché il sistema di controllo possa trasmettere gli ordini e indicare il movimento successivo.

Ogni trasportatore dispone di scatole modulari per il controllo della potenza e dei segnali. Le scatole sono collegate a una centralina, che ha il compito di distribuire la potenza tra le varie scatole modulari, e al PC o PLC di controllo.

 

Per maggiori informazioni, visitare il sito alla pagina Sistemi di trasporto per pallet e/o consultare il catalogo PDF